Questo sito contribuisce
alla audience di

Lo ‘scoperto bancario’ nacque a Napoli nel 600 e non in Inghilterra

Shares

Dall’Archivio Storico della Fondazione del Banco di Napoli continuano ad emergere scoperte importanti.

L’ultima riguarda lo ‘scoperto di conto corrente‘, un importante strumento cui i natali erano stati attribuiti alla Royal Bank of Scotland nel 1728.

Secondo gli studi sul Libro degli Acomodi, ovvero dei prestiti, inerenti al Banco, si è potuto retrodatare al 1612 la prima operazione in tal senso.

Dunque, il primato passa all’Istituto napoletano.

Lo riporta IlCorriereDelMezzogiorno.it.

Per tale scoperta e altre considerazioni, basate sullo studio dell’archivio del Banco di Napoli, che vanta documenti di storia bancaria che coprono 500 anni, è stato organizzato un grande convegno internazionale dal titolo: The Rise of Moder Banking in Naples.

Così Napoli ospiterà banchieri centrali statunitensi, esponenti della Federal Reserve, delle banche di Chicago e di Atlanta, e di altre nazioni europee, oltre alla partecipazione di Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia.

Indirettamente si continua a rivalutare la storia del Sud.

Riccardo Trecca

Giornalista e blogger.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top