Bennato: “Chi fa musica a Napoli è un eroe”

Shares

”Chi fa musica a Napoli è un eroe, gli artisti ma anche gli impresari. E’ la città più bella al mondo ma anche tanto difficile per chi organizza eventi musicali. In questo senso è un eroe anche il sindaco e tutti quelli che trovano spazi per la musica”.

Non poteva mancare Eduardo Bennato al Second Hand Guitars, primo e più importante guitar show in Italia e uno maggiori in Europa che ha ospitato il convegno ‘Musica bene comune‘ al Cubo d’oro della Mostra d’Oltremare.

“Avevo 12 anni e passeggiavo per via San Sebastiano a Napoli, la strada degli strumenti musicali, quando vidi una chitarra in vetrina e ne rimasi affascinato”, ha detto Bennato che a quell’incontro ha dedicato la canzone La chitarra” (“Lei mi è apparsa all’improvviso e ho avuto un tuffo al cuore silenziosa e luccicante come una visione così vera e provocante dietro la vetrina non l’avevo vista mai così vicina”).

Il cantautore, e architetto, bagnolese ha poi rivolto parole di apprezzamento per le iniziative della Mostra d’Oltremare, dove vorrebbe ambientare il suo prossimo video, ricordando anche le possibilità che offrirebbe alla musica lo spazio della Ex Nato, anche quello risalente agli anni 30.

Tra gli intervenuti anche Fausto Mesolella musicista degli Avion Travel che ha ironicamente parlato di ‘cultura musicale italiana nelle mani dei media’ stigmatizzando le scelte delle radio, e il critico Federico Vacalebre, l’impresario David Zard.

Alla Mostra d’Oltremare fino a domani visibile una selezione ragionata di strumenti Fender e Gibson,i visitatori avranno la possibilità non solo di vedere, ma anche di toccare e provare strumenti storici come le preziose “maple neck” Fender degli anni ’50, le “custom color” nei brillanti colori surf anni ’60 e le Gretsch più preziose.

A questa esposizione sistematica sarà affiancata una selezione di strumenti di altre marche, a completare un racconto raro e prezioso di un’epoca irripetibile, infine visionare la collezione di Alberto Venturini nota tra gli appassionati come una delle più ricche e rappresentative della Golden Age della chitarra americana.

Non mancheranno anche momenti dimostrativi sui 5 palchi allestiti per l’occasione, con esibizioni di Edoardo Bennato, Velvet, del batterista americano John Macluso, e i chitarristi Giuseppe Scarpato e Enrico Santacatterina.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top