Da Napoli Est, territorio problematico, partono messaggi positivi con una biblioteca

Shares

Abbiamo appena presentato insieme al nostro Sindaco nella biblioteca “Labriola” in Piazza Pacichelli, 10 a ‪#‎SanGiovanniaTeduccio‬ la settima delle dieci attività d’impresa finanziate dall’Assessorato ai Giovani e Politiche Giovanili, Creatività e Innovazione, grazie al Progetto “Sviluppo Napoli” rivolto ai giovani come sostegno concreto allo sviluppo economico del territorio.

A margine di un’indagine conoscitiva promossa in tutte le dieci Municipalità cittadine, oltre che sul portale istituzionale www.comune.napoli.it e sui canali Social e dopo un attento lavoro di una commissione esaminatrice sono stati assegnati dieci contributi da 20.000,00 euro, destinati a giovani imprese uniformemente distribuite sulle dieci Municipalità cittadine. Una misura concreta per creare lavoro e sviluppo investendo sulle competenze e il talento dei giovani nel nostro territorio.

La struttura beneficiaria del contributo per la VI Municipalità è la “Cooperativa sociale Se.po.fà ONLUS”. Se.po.fà svolge attività di promozione editoriale e culturale sull’intero territorio nazionale. Un ponte fra case editrici, autori e pubblico.

Il suo scopo è veicolare messaggi positivi, partendo da un molto problematico, come quello di Napoli Est, attraverso la cultura del racconto, sia esso narrativo, documentaristico, poetico, visionario o completamente di fantasia. Se ne prende cura, lo fa crescere, lo dona agli altri con l’obiettivo di creare consapevolezza, attivismo e sinergie costruttive, che facciano da cassa di risonanza per tutta la comunità.

Oggi fra l’altro è stata l’occasione per presentare un concorso letterario per racconti inediti dal titolo “Radici Emergenti”, da cui sarà poi pubblicato un libro.

A tagliare il nastro con Roberto Malfatti, amministratore della cooperativa e Deborah Divertito.

L’attività aderirà al Consumo Critico e all’Associazione Antiracket e Antiusura Italiana.

La misura Sviluppo Napoli rientra nel progetto “Napoli Città Giovane: i giovani costruiscono il futuro della Città”, realizzato nell’ambito dei Piani Locali Giovani – Città Metropolitane, promossi e sostenuti dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Alessandra Clemente

Alessandra Clemente è la figlia di Silvia Ruotolo, uccisa a Napoli da un branco di camorristi che si sparavano tra di loro nel 1997. Oggi Alessandra è impegnata a mantenere vivo il ricordo delle vittime innocenti della criminalità organizzata. Oggi è assessore alle politiche giovanili del comune di Napoli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top