In Campania troppe polemiche a sinistra

Shares

Devo proprio dirla tutta su questa faccenda delle Primarie.

Troppo polemicismo in giro a sinistra, serve un po’ di ottimismo ma non vorrei rispondere solo a quelli che polemizzano su Marco Di Lello o altri, ognuno si difende da solo e Marco Di Lello lo fa più che egregiamente.

A me interessa dare un contributo e provare a cacciare il centrodestra e Caldoro dalla Giunta regionale e soprattutto cambiare le scelte politiche fatte in questi 5 anni ad esempio su sanità e trasporti, ambiente e urbanistica, università e diritto allo studio.

Possiamo provarci magari anche immaginando che la sinistra intanto ha messo in campo ben 4 candidati autorevoli? Due Parlamentari, un eurodeputato e un Sindaco di città capoluogo del mezzogiorno: ma chi si dovrebbe candidare? 4 new entry alla prima esperienza?

Matteo Renzi non ha forse dalla sua il grande merito e al tempo stesso il vantaggio di aver fatto esperienza da Sindaco in una delle città più belle d’Europa? Al di là della scontata preferenza che ciascuno di noi attribuisce ovviamente (spero anche serenamente) a quello cui più fa riferimento, ci sono in pista 4 uomini (e purtroppo per noi l’unica donna sembra si destinata a ritirarsi) che rappresentano spaccati sociali e territoriali, hanno consenso, hanno espresso idee, si sono presi negli anni responsabilità rilevanti.

Ma chi altro dovrebbe candidarsi scusate? Andrea Cozzolino ha messo assieme in due elezioni europee 250.000 persone che hanno scritto il suo cognome sulle schede elettorali, Vincenzo De Luca governa Salerno più che egregiamente da 20 anni, Gennaro Migliore è in Parlamento da diverse legislature ed ha dato il suo contributo a Napoli quand’era consigliere, Marco Di Lello è passato attraverso elezioni con decine di migliaia di preferenze ha amministrato e bene in regione ed è leader in un partito che per quanto piccolo merita rispetto non fosse altro perchè ha rappresentato una storia nel Paese, certo c’è anche chi ha commesso errori, nessuno ne è escluso, ma almeno abbiamo ben 4 candidati alle primarie.

Se le primarie si celebreranno, magari dando il giusto tempo a tutti di organizzarsi e mitigando lo squilibrio economico che alcuni hanno già dispiegato da mesi, io mi domando dov’è sarà la guerra fratricida?

Non possiamo concentrarci su questo nelle prossime settimane cari compagni del Partito Democratico? Noi vi offriamo nel nostro piccolo 1% che ci attribuite questo terreno di confronto per costruire accanto alla leadership anche uno sforzo programmatico e di idee, altrimenti finisce che, nella peggiore delle ipotesi, riperdiamo la Regione e facciamo di nuovo finta di fare opposizione come (alcuni non tutti per fortuna) il Pd e la sinistra ha fatto in questi ultimi cinque anni.

Ovvio che ha quest’ultima ipotesi l’hashtag non può che essere #iononcisto e scrivo, compagne e compagni, AL LAVORO E ALLA LOTTA IL NEMICO E’ A DESTRA.

Corrado Gabriele

CORRADO GABRIELE, NAPOLETANO 47 ANNI,TRE FIGLI. Tutte le mattine sveglia alle 5,40 per preparare la diretta su Radio CRC targato Italia con Barba&Capelli, tre ore di approfondimento giornalistico su politica, attualità,cultura e società. Dalle 8.00 alle 9.00 il programma passa in radio visione sul canale 14 del digitale terrestre in Campania. Nel 1980 è stato tra i fondatori dell'Associazione degli Studenti Napoletani contro la camorra. Dirigente della FGCI dal 1982 e del PCI fino al suo scioglimento. Nel 1990 aderisce al Movimento per la Rifondazione Comunista. È stato membro della segreteria napoletana e del Comitato Politico Nazionale del PRC. Tre volte eletto al Consiglio comunale e due volte Assessore al Comune di Marano di Napoli dal 1993 al 2001. Dal 2001 al 2005 è assessore al lavoro ed alla formazione alla Provincia di Napoli. Nel 2005 diviene, nominato da Antonio Bassolino, assessore al lavoro, istruzione, formazione e cooperazione internazionale della Regione Campania. Nel 2004 candidato al Parlamento Europeo per la circoscrizione italia meridionale è primo dei non eletti. Diviene parlamentare europeo l'8 maggio 2006 a causa delle dimissioni di Fausto Bertinotti eletto alla Camera dei Deputati, di cui diviene presidente. Lascia successivamente il Parlamento Europeo per mantenere la carica di Assessore regionale. Nel 2006 ha contribuito per l'Unione alla stesura del programma per le elezioni politiche. Nel settembre 2006 e 2007 ha organizzato l'inaugurazione dell'anno scolastico a Casal di Principe con Fausto Bertinotti e Roberto Saviano, da quel palco lo scrittore lanciò la famosa "invettiva" contro i casalesi che gli costò la scorta. Da assessore regionale è stato inoltre autore di una proposta una legge sul lavoro di qualità approvata dal Consiglio Regionale della campania a Novembre del 2009, nel gennaio 2007 ha organizzato la Prima Conferenza Nazionale Sicurezza sul lavoro, a novembre 2008 gli "Stati Generali della Scuola del Mezzogiorno" a Castelvolturno concluso con l'ultimo concerto dell'artista Miriam Makeba, morta alla fine della sua esibizione organizzata dallo stesso Gabriele per Roberto Saviano, partecipando in seguito ai suoi funerali a Johannesbourg. Alle elezioni regionali di Marzo 2010 ha lasciato il PRC e si è candidato nelle liste del Partito Democratico ed è stato eletto Consigliere regionale nel collegio di Napoli con 17.582 voti. E' attualmente membro per il PD della direzione provinciale e Regionale, in Consiglio è membro per il PD della VI Commissione regionale Istruzione, Cultura e Politiche sociali, della III Commissione regionale Lavoro e attività produttive ed è Segretario della Commissione Speciale Controllo Discariche, Ecomafie e Beni confiscati alla camorra; è stato eletto a Dicembre 2010 come membro per le opposizioni nella Commissione Regionale per il Lavoro.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top