Questo sito contribuisce alla audience di

Renzi al Sud per un giorno. “Sarò con voi ogni tre mesi”

Shares

Matteo Renzi lascia per un giorno i molti fronti di guerra aperti a Roma, dalla Rai allo scontro con M5S su Francantonio Genovese, per attraversare il fu Regno delle due Sicilie, da Napoli a Palermo. “Il sud non è spacciato ma è ora che tutti mettiamo da parte gli alibi e ci assumiamo le responsabilità“, chiede il premier promuovendo un miglior uso dei fondi Ue, uno spreco da 180 miliardi negli ultimi anni, a partire dalle elezioni europee, “uno spartiacque” per la rotta dell’Europa ma anche, Renzi sa, per la forza del Pd e del governo. Napoli, Reggio Calabria, Palermo sono le tre frontiere, piegate dalla crisi e dalla disoccupazione, che Renzi sceglie di percorrere in un solo giorno. Con la promessa di tornarci ogni tre mesi per fare il punto sull’uso dei fondi europei ma anche per tastare il polso della crisi.

Impegni perchè “se il governo perde al sud perde la sfida paese” ma anche un richiamo severo a fare ognuno la propria parte. “Noi vogliamo smontare le tesi che l’Italia sia il problema della Ue e il sud il problema dell’Italia ma il mancato uso dei finanziamenti comunitari grida vendetta“, sostiene il premier avvertendo le istituzioni locali che se non sapranno sfruttare le risorse che “ci sono“, il governo interverrà direttamente. La parola assistenzialismo fa venire l’orticaria al presidente del consiglio, che dei tagli alla spesa pubblica ha fatto una crociata.

Sono il rispetto delle regole e l’impegno collettivo la via che il presidente del consiglio indica, a partire dall’incontro con gli alunni della scuola “Parini” di Secondigliano, per far rialzare la testa all’Italia e al sud. Una missione istituzionale, anche per promuovere l’uso di 1,7 miliardi della Garanzia Giovani in un’area dove “i dati della disoccupazione giovanile sono sconvolgenti“. Solo a fine giornata, a Palermo, in una gremita piazza Politeama, dove Beppe Grillo ha fatto un comizio la settimana scorsa, Renzi dismette i panni del premier per chiamare alla sfida elettorale, convinto che stavolta “il Pd vince e scala il podio” in cima al quale, alle politiche, salì Beppe Grillo.

Tutto, alla fine, si lega perché, per il leader dem, solo se il Pd vince le europee potrà “rinnovare la linea politica della commissione Ue“. E spingere perchè i fondi di coesione e di cofinanziamento escano dal patto di stabilità. “Se noi decidiamo che tutti i fondi che vanno in investimenti per la scuola o la rete a banda a larga sono fuori dai patti di stabilità è una bella boccata di ossigeno“. Per Renzi le elezioni del 25 maggio sono un “referendum“, un ballottaggio tra chi urla, come Grillo e Berlusconi, “tornati sempre uguali a sè stessi“, e chi, come il Pd, spera nell’Italia e attraverso il governo “è in campo contro la disoccupazione e gli sfascismi“.

Il premier sa che è impopolare in questo momento stare al governo e mette in conto qualche fischio e cartello di protesta, a Reggio Calabria come a Palermo. “Ma noi non ci fermiamo, non arretreremo di un passo sulle riforme perché noi stiamo creando lavoro e noi apriremo 10mila cantieri nelle scuole“, va avanti “a viso aperto” e “senza paura” il premier. Che negli ultimi giorni andrà da nord a sud, alternando i panni istituzionali con i toni elettorali, per convincere indecisi e astenuti.

Roberto Zarriello

Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Bari, è giornalista, saggista e docente di Comunicazione digitale e Social Media all’Università Telematica “Pegaso”, e in vari master universitari. Ha collaborato con le Cattedre di Organizzazione e Comunicazione degli Uffici Stampa - URP e di Pianificazione Media e Comunicazione dello Sport della Facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università “La Sapienza” di Roma. Scrive di comunicazione, internet e nuove tecnologie per l'Huffington Post, coordina l'area glocal news di Tiscali.it e cura sul portale un focus dal titolo ”Innovare l'informazione nell'era dei social media”. Collabora dal 2003 con il gruppo Espresso, con cui ha creato il progetto Città 2.0 su Repubblica.it. È fondatore e direttore responsabile del magazine di cultura e innovazione RestoalSud.it e dirige la RestoalSud Academy. Ha pubblicato il volume Penne Digitali 2.0 - Fare informazione online nell’era dei blog e del giornalismo diffuso, edito dal Centro di Documentazione Giornalistica, e Social Media Marketing - Strumenti per i nuovi Comunicatori Digitali, edito da Franco Angeli. In passato coordinatore della Commissione "Didattica della Comunicazione Didattica" dell'USR Molise e ha ricevuto nel 2015 il Premio Giornalistico Nazionale “Maria Grazia Cutuli” per la categoria “web, editoria digitale”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top