Questo sito contribuisce alla audience di

Serve un piano di rilancio per il Mezzogiorno

Shares

E’ arrivato il momento di mettere in campo un piano organico e di rilancio per il Mezzogiorno.

Ha ragione il premier Renzi a richiamare l’attenzione del Governo nel pianificare azioni ed interventi mirati che diano anche al Sud quella spinta economica e di rilancio necessarie per ripartire.

E l’occasione prossima, con la nomina del Commissario per l’ex area Italsider di Bagnoli, può rappresentare proprio quel rilancio tante volte auspicato per il Mezzogiorno e spesso disatteso. I dati economici infatti sono impietosi: molti giovani abbandonano le terre di origine per cercare lavoro e occupazione al Nord o all’estero e l’impoverimento del tessuto sociale ed economico del meridione sta raggiungendo livelli drammatici.

I recenti dati forniti dalla Svimez -Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno infatti, ci dicono che tra il 2008 e il 2013, delle 985 mila persone che hanno perso il lavoro, 583 mila sono al sud dove, sono presenti, appena il 26% degli occupati italiani. E’ da questi dati dunque che dobbiamo ripartire. Dobbiamo radicalmente invertire la rotta.

Il Sud ha bisogno di sicurezza, di legalità, di uguali condizioni di accesso al credito per famiglie ed aziende, di infrastrutture e di banda larga. Innovazione e rilancio, queste devono essere le sfide da vincere. Solo così si potrà garantire parità di condizioni economiche nell’intero territorio nazionale e pari dignità per tutti.

Il Mezzogiorno dunque deve tornare tra le priorità, non più rinviabili, dell’agenda del Governo.

Il tempo degli annunci e dei proclami deve lasciare spazio alla concretezza e alla volontà reale di mettere in campo progetti e misure concrete in grado di incidere attivamente sull’economia del sud riuscendo così ad attrarre nuovi investimenti sia pubblici che privati.

Michela Rostan

Sono nata a Polla (Sa), il 25/01/1982, da padre melitese e madre teggianese. Nel 2007 ho preso parte alle primarie fondative del Partito Democratico e poi a quelle del 2009, in occasione delle quale sono stata eletta Delegata all’Assemblea Regionale del PD Campania. Nel 2011 sono stata candidata alle elezioni del Comune di Napoli, ed ho ottenuto ben 1800 preferenze, risultando la donna più votata in occasione delle amministrative. Prima di trasferirmi a Melito di Napoli, ho vissuto la mia adolescenza nel paese di origine di mia madre, in provincia di Salerno, a Teggiano. Il mio impegno civico e politico ha inizio oltre dieci anni fa, allorquando, ventenne, sono stata tra i fondatori della prima associazione anticamorra attiva nella mia Città, Melito di Napoli: il circolo “Peppino Impastato”, ovvero la mia prima palestra di democrazia e legalità. Ho partecipato, poi, alla costituzione del circolo territoriale dei DS e della Sinistra Giovanile. Successivamente, il Commissario del PD di Napoli, On. Andrea Orlando, mi ha nominata quale Responsabile del Forum Provinciale dell’Immigrazione. Ho associato sempre all’impegno in politica, la crescita professionale, tanto che mi sono laureata in Giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli e svolgo l’attività di Avvocato, specializzata nelle questioni di previdenza e lavoro. In occasione delle primarie per la scelta dei Parlamentari della Provincia di Napoli, sono risultata essere la terza donna più votata. Alle elezioni politiche del febbraio 2013, sono stata eletta Deputato della Repubblica, nella Circoscrizione Campania 1. Sono membro della Commissione Bicamerale di inchiesta sul Ciclo dei Rifiuti.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top