Questo sito contribuisce
alla audience di

#Vivarium, il progetto del web che parte dalle #scuole del Sud per migliorare #wiki

Shares

Nel suo ultimo quindicennio di storia il web è stato battezzato 2.0.

Esso ha aperto gli spazi ad una nuova e ampia conoscenza di un sapere condiviso, chiamato wiki.

Pochi giorni fa al liceo di scienze umane Gianturco di Potenza, ha preso il via il progetto Vivarium, finalizzato alla sperimentazione didattica delle piattaforme wiki.

Il progetto parte dal presupposto che il docente è portatore di una conoscenza che un giorno andrà perduta e che il sapere va condiviso per essere arricchito.

Vivarium vede due fasi di sperimentazione nell’anno scolastico 2015\2016, una presso il liceo Mangino di Pagani, in provincia di Salerno ed un’altra al Gianturco di Potenza

A Pagani i docenti sono preparati per costruire un loro wiki personale, in Lucania invece si punta alla costruzione di libri digitali.

Per esempio il primo wikibooks sarà dedicato al cyberbullismo.

Il progetto parte anche da un’altra considerazione. Troppo spesso manca un uso maturo del wiki, la competenza informatica e c’è una carenza tematica. Vivarium cerca di colmare anche queste lacune.

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top