';

A Napoli lo Stato c’è stato

Ieri mattina studenti, docenti, personale dell’Istituto Tecnico Galiani di Napoli hanno trovato la loro scuola devastata e derubata di ogni attrezzatura di valore.

Era una scuola modello o se volete un modello di scuola superiore a poche centinaia di metri da piazza Carlo III.

Qualcuno dirà: “E vabbè, solito episodio di vandalismo”. No, non è così.

In quella scuola ci sono stati i Carabinieri.

La preside e gli studenti erano preoccupati perché brutte facce giravano intorno alla scuola nel periodo di consueta occupazione pre-natalizia.

Quello che è successo è due volte grave.

Perché i miserabili che devastano una scuola non hanno diritto di cittadinanza in un Paese civile.

E perché in quella scuola poche ore prima c’era stato lo Stato.

Purtroppo a Napoli, mi fa rabbia dirlo da napoletano, lo Stato lo si declina sempre più come un participio passato.

E cioè come dice un mio amico filosofo (io lo chiamo Fragolino) “a Napoli lo Stato c’è stato”. Appunto


Dalla stessa categoria

Lascia un commento