Adolescente scappa di casa e finge sequestro

Shares
Carabinieri

Avrebbe ammesso ai carabinieri di essersi allontanata volontariamente da casa e di aver simulato il suo rapimento la studentessa di 14 anni scomparsa in Puglia a Lucera nel primo pomeriggio di giovedì scorso, 9 maggio, e ritrovata dopo 24 ore nel box annesso alla sua abitazione, seduta ad una sedia con mani e piedi legati.

Sarebbe questo – a quanto si apprende – l’esito dell’audizione a cui è stata sottoposta la ragazzina di origine colombiana, adottata da una famiglia di Lucera nel 2008 insieme alla sorellina più piccola.

La minorenne è stata ascoltata dai militari dell’Arma alla presenza di una psicologa e dall’audizione sono emersi elementi dai quali sarebbe confermata la simulazione del rapimento.

Alla base del gesto ci sarebbero incomprensioni tra la ragazzina e la mamma adottiva.

Secondo quanto è stato possibile accertare, la studentessa si è allontanata da casa nel primo pomeriggio di giovedì, prima che rincasassero i genitori adottivi. Dopo aver girovagato per la città, ha trascorso la notte in un luogo nei pressi della propria abitazione.

Andata poi nel box, si è legata le mani e i piedi, senza che nessuno l’abbia aiutata.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top