Questo sito contribuisce alla audience di

Alleniamo le giovani generazioni alla scoperta dei propri #talenti

Shares

Giovani, Impresa e beni comuni.

Cosa hanno in comune queste tre parole? Apparentemente nulla, in realtà tutto perché sono la chiave per costruire una nuova fetta dell’economia di questo Paese e in particolare della Calabria.

Giovani che fanno impresa con i beni comuni è il titolo della business competition che si svolgerà domani 5 giugno alle 10 presso il Piccolo Teatro dell’Università della Calabria, a Cosenza.

Un evento che si colloca all’interno di un progetto ampio e ambizioso che ha inteso stimolare nei giovani under 20 la passione e l’interesse verso la valorizzazione del grande patrimonio culturale, architettonico, artistico, ambientale che va sotto la categoria dei beni comuni.

Due i Comuni coinvolti nel progetto Giovani&FuturoComune: San Basile e Marano Principato; 4 le scuole superiori coinvolte tra Cosenza e Castrovillari, più di 23 Partner tra aziende, associazioni e professionisti che hanno alimentato il percorso di formazione dei 100 giovani aspiranti imprenditori coinvolti nel progetto.

Questi sono alcuni dei numeri che hanno caratterizzato Giovani&FuturoComune, la cui business competition di venerdì 5 giugno decreterà i due migliori progetti di impresa, uno sulla valorizzazione dell’Abbazia di San Basile e l’altro sulla valorizzazione del Premio Pandosia di Marano Principato. Le due idee di impresa vincitrici riceveranno tutoraggio e un grant di 20.000,00 euro ciascuna per realizzare lo startup di impresa e, dunque, diventare realtà.

Il 5 giugno, il Piccolo Teatro Unical ospiterà anche un focus tematico sull’imprenditoria culturale e sul valore che ha un modello come quello proposto dal Progetto Giovani&FuturoComune per allenare le giovani generazioni alla cultura d’impresa e alla scoperta dei propri talenti, nonché sensibilizzarli nella responsabilità condivisa sui beni comuni.

Ospiti del Focus saranno Antonino Muro, Media Relations Officer per Innovation HUB di Giffoni Experience, Manuel Meinardi, startupper con la sua idea MFSchool, il prof. Roberto Musmanno, Delegato alla Ricerca e al Trasferimento Tecnologico per l’Università della Calabria.

La Business Competition è la tappa intermedia di un percorso lungo più di un anno e mezzo, condotto dall’Associazione Goodwill, che porterà alla creazione di due startup culturali, ma soprattutto è un evento nel quale emergerà la rete di partnership che ha generato questo progetto realizzato anche grazie al supporto importante e concreto della Fondazione Vodafone Italia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anna Laura Orrico

Sono a nata a Cosenza nel 1980 e sono da sempre convinta che qualunque forma di cambiamento (sociale, economico, politico, etc.) possa nascere e crescere solo con la spinta “dal basso”, ovvero di un gruppo di persone o di comunità che sperimentano ogni giorno cosa vuol dire provare a cambiare direzione e farla cambiare anche agli altri. Mi sono laureata all’Università della Calabria in Scienze Politiche e ho fatto qualche esperienza interessante nella cooperazione internazionale, seguendo un progetto in Burundi. Ho viaggiato e sperimentato me stessa in diversi progetti, tutti sempre a stretto contatto con l’idea che si può immaginare e lavorare per migliorare qualcosa di ciò che sta intorno a noi. Ritornata in Calabria mi sono immersa nella sfida di dare concretezza e identità all’Associazione Io resto in Calabria con la quale ho realizzato tanti progetti di rinascita civile e morale, rivolti in gran parte ai giovani: Gocce di (buona) politica, scuola di cittadinanza attiva e partecipazione politica; Calabria Day, iniziativa che ogni anno si pone l’obiettivo di raccontare la Calabria delle storie positive e farlo coinvolgendo i protagonisti delle stesse e i giovani per far si che non credano che la nostra regione è solo ‘ndrangheta e malaffare. Sono una Project Manager del cambiamento, se posso osare, perchè mi piace coinvolgermi in tutte le iniziative dove è possibile esprimere un linguaggio nuovo, che parli di merito e non di raccomandazione, che parli di poter fare qualcosa piuttosto che apsettare che qualcuno ci regali qualcosa. Oggi sto lavorando per far nascere a Cosenza il primo Talent Garden del Sud Italia. Sarà uno spazio di coworking dedicato all’innovazione, da tutti i punti di vista e con tutte le idee talentuose che stanno emergendo e potranno avere una casa dove sperimentarsi.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top