Appello a Renzi: “Il Governo non cancelli il Cnel”

Shares

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Cgil

Cisl

Uil

A Matteo Renzi
Presidente
Consiglio dei Ministri
00186 R O M A
[email protected]

p. c. A Giuliano Poletti
Ministro del Lavoro e P.S.
00187 Roma
[email protected]

A Maria Elena Boschi
Ministro delle Riforme e R.Parlamento
00187 Roma
[email protected]

A Graziano Delrio
Sottosegretario di Stato
Presidenza Consiglio dei MInistri
[email protected]
Loro Sedi

Roma, 26 Marzo 2014

Signor Presidente,

Il documento che Le inviamo, si riferisce alla imminente presentazione in Parlamento da parte del Governo del disegno di legge di riforma costituzionale ed illustra la posizione di CGIL, CISL, UIL rispetto alla previsione della cancellazione dell’articolo 99 relativo al CNEL.

Confidando nella Sua attenzione, porgiamo distinti saluti

I Segretari Generali

CGIL                                                         CISL                                                        UIL

Susanna Camusso                               Raffaele Bonanni                                Luigi Angoletti

letteraarenzi

SCARICA IL DOCUMENTO CGIL, CISL, UIL su CNEL

Comments (6)

  • Avatar

    barbara

    30 Marzo 2014 - 11:47

    vergognatevi!!! ma come si fa ad essere così insensibile alla crisi che colpisce la popolazione mentre Voi tutti della casta difendete i vostri interessi calpestando ogni diritto acquisito della popolazione comune. Sono davvero indignata perchè proprio voi del sindacato dovreste essere i primi a dare l’esempio invece difendete un ente che non serve a nulla se non ad arricchire le già pompose tasche vostre, io spero che Renzi riesca a fare i tagli di tutto quello che è INUTILE ivi compreso SENATO; CNEL e moltissmo altro, se così non fosse allora aspettatevi la RIVOLUZIONE, e non stupitevi se la gente si arrabbierà davvero.

    Rispondi
  • Avatar

    barbara

    30 Marzo 2014 - 11:55

    Faccio un appello a Matteo RENZI che elimini al più presto tutto quello che è spreco negli enti pubblici ivi compresi gli stipendi da nababbi che tutti i politici e sindacati difendono a scapito di una popolazione ormai allo stremo…. ITALIANI (esclusa la CASTA) tirate fuori le palle, non possiamo permettere che un paese stupendo come l’Italia venga distrutta per l’avidità di pochi, noi siamo di più e quindi difendiamo la nostra amata terra prima che tutto venga spazzato via da questi LADRONI: Ti prego Matteo non lasciarti affondare sei la nostra ultima spiaggia.

    Rispondi
  • Avatar

    Pierpaolo Fois

    30 Marzo 2014 - 18:46

    Si ha più di una sensazione che con lo slogan “rottamare” si voglia eliminare tutto quello che sembra di ostacolo ad un confronto con i vari attori sociali senza un disegno organico o meno di dove si voglia andare a parare. Condivido la proposta delle rappresentanze sindacali che nell’intravedere la necessità di riformare un istituzione costituzionale quale quella del CNEL al contempo ne individuano e oggi più che riconoscano la valenza di quell’istituto a tutela del lavoro e dei lavoratori. Quando si vuol rottamare qualcosa occorre aver chiaro anche dove si voglia andare

    Rispondi
  • Avatar

    domenico

    30 Marzo 2014 - 23:07

    Richiesta vergognosa dopo che si è venuti a conoscenza dell’inoperosità e inutilità di tale ente. Questa è la dimostrazione che son tutti uguali quando ci sono gli interessi di mezzo..Dopo questa richiesta sarei anche a favore della soppressione dei sindacati

    Rispondi
  • Avatar

    LUCIANO

    31 Marzo 2014 - 08:41

    a piazza pulita ( LA 7) un sindacalista dei tre si becca 25000 euro di gettoni di presenza senza mai essere stato presente 25000 eurooooooo VERGOGNATEVI

    Rispondi
  • Avatar

    mario

    31 Marzo 2014 - 09:03

    Se vogliamo veramente sistemare questa nostra Italia, occorre proseguire sulla strada delle riforme. Renzi non ti fare intimorire, vai dritto per la strada che hai intrapreso. Occorre zittire questi boiardi di stato che vogliono, a parole, che tutto cambi affinchè nulla cambi. Hanno rovinato questo paese, a cominciare dai sindacati e quindi non hanno più diritto di parola. Vai Renzi, non ti fermare, ti saremo tutti grati se riuscirai a spazzare via questi maledetti.!!!

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top