Cantone senza peli sulla lingua: “Chi è onesto non fa carriera nella Pubblica Amministrazione”

Shares

Il napoletano Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, oggi ha detto ciò che molti abbiamo sempre pensato: “Chi è perbene, non fa carriera nella Pubblica Amministrazione“.

Sì, non si tratta, come scritto, di un pensiero ‘originale’ ma proferito da Cantone (al Servizio Missionario dei Giovani di Torino) ha una rilevanza maggiore e soprattutto mette luce sul fatto che difficilmente le persone oneste scalano i vertici all’interno della P.A., perché, in virtù della propria incorruttibilità, vengono paradossalmente emarginate.

Cantone, però, non si è soltanto limitato ad affermare una verità nota ma ha anche esposto una ‘ricetta‘ per invertire la tendenza: la necessità di una “riscossa interna” e non di un’esortazione dall’alto. Inoltre, occorre maggiore “controllo” e ha invitato i dipendenti a denunciare i colleghi che timbrano il cartellino e poi lasciano il proprio posto di lavoro, anziché starsene zitti.

Le sue parole:

Walter Giannò

Blogger dal 2003, giornalista pubblicista, ho scritto su diverse piattaforme: Tiscali, Il Cannocchiale, Splinder, Blogger, Tumblr, WordPress, e chi più ne ha più ne metta. Ho coordinato (e avviato) urban blog e quotidiani online (come BlogSicilia.it). Ho scritto due libri: un romanzo ed una raccolta di poesie. Ho condotto due trasmissioni televisive sul calcio ed ho curato la comunicazione sul web di un movimento politico di Palermo durante le elezioni amministrative del maggio 2012.

One comment

  • Avatar

    gbravin

    13 Aprile 2016 - 16:25

    Collusione a TUTTI i livelli!
    Esemplare è il breve filmato che appare sul sito del Quirinale.
    Gli unici a cantare l’Inno Nazionale, sono stati Pietro Grasso e Signora.
    PdR, Boldrini, Pinotti e tutti gli altri ZITTI:
    Nemmeno fingere di cantarlo….

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top