Ecco a voi Sophie Kinsella made in Calabria

Shares
Sophie Kinsella

Divertente, piccante, glamour. Perfetto per l’estate, arriva il romanzo d’esordio di una Sophie Kinsella nostrana che si nasconde dietro lo pseudonimo di Lulù Librandi. L’autrice è un avvocato calabrese, classe 1976, che lavora da diversi anni in un importante studio internazionale di Roma ed è allieva della scuola di scrittura ‘Omero’ nei cui laboratori è nato ‘C’ero una volta…’, che esce ora per Fazi editore che lo ha lanciato con una grande festa a Roma.

“È un libro leggero ma non troppo, perché con leggerezza tocca temi importanti come l’insicurezza e l’inserimento di una donna in un contesto estraneo, dove deve faticare il doppio rispetto ad un uomo, ma alla fine la mia protagonista ce la fa” dice la scrittrice-avvocato. Il paragone con Sophie Kinsella “mi imbarazza – spiega – ma è vero che la protagonista di I love shopping è un po’ Lulù: deve superare delle difficoltà e ha le sue insicurezze”.

Costruito attraverso una serie di flashback – con colonna sonora ‘A te’ di Jovanotti e in apertura la citazione di Charlie Brown ‘Non c’è niente che toglie il gusto al burro di noccioline quanto l’amore non corrispostò – il romanzo vede Maria Luigia Librandi, detta Lulù, avvocato come l’autrice del libro, svegliarsi in una clinica senza sapere nulla di sé. Ha perso la memoria in modo piuttosto rocambolesco e l’unico contatto con la realtà passata sembra essere una favolosa borsa: la Birkin in pelle di coccodrillo rosa che trova accanto al suo letto con un biglietto in cui le viene chiesto perdono.

La protagonista è parte di me. Da dodici anni lavoro in uno studio d’affari a Roma e volevo leggere la realtà che mi circonda seguendo la mia vena umoristica. Molte persone dello studio si sono riconosciute nella storia e adesso ci tengono al loro personaggio. All’inizio avevo qualche timore, ma l’hanno presa bene”. Il romanzo, che racconta molti locali glamour di Roma, è anche un omaggio, spiega Lulù Librandi, “alla città eterna che non mi ha discriminata. Anzi, mi da dato tutte le opportunità che cercavo quando sono arrivata dalla Calabria”, sottolinea e rivela che il suo paese d’origine è Rossano, diventato nel libro Punta Alba. In omaggio proprio alla sua terra ha scelto anche il cognome Librandi “molto diffuso in Calabria”, mentre “Lulù – spiega – è il nomignolo che da piccola mi ha dato mia zia. Il mio nome vero è troppo pesante: Maria Assunta Galluccio“.

Sempre avvinghiata alla sua borsa rosa, che troneggia anche nella copertina del libro, Lulù, mentre cerca di ricomporre il puzzle di quello che le è accaduto, sente nella sua mente un affollarsi di domande: “È soddisfatta della propria vita?”, “È stata lei a cercare di voler dimenticare qualcosa?”, “E chi è la donna elegantissima che l’aspetta nel corridoio su tacchi Louboutin implorando di incontrarla?”, finché nulla sarà più come prima. Ad aiutarla a ricostruire il suo passato – dalla partenza giovanissima dalla Calabria verso la capitale, al lavoro nello studio legale – sarà però l’affascinante medico di quarant’anni Andrea Martini. Attraverso una serie di incontri organizzati dal dottore che terrorizzano Lulù, un pezzo alla volta riaffiora l’identità della ragazza e dall’oblio riemergerà anche il rapporto con Alessandro Malaspina da cui Lulù si è sempre sentita attratta.

“Quindi nessuna anticipazione, nessuna facilitazione. Dovrò andare a tentoni nel buio, circondata da sconosciuti che mi scruteranno, esamineranno, commiseran… commiserira… commisereranno!” pensa la ragazza quando le vengono annunciate le visite. “Malaspina è davvero il mio compagno ed è lui che mi ha spinta a scrivere il romanzo. Le prime parti della storia si sono sviluppate intorno a lui. In fondo questo è un romanzo d’amore. Il mistero del libro è proprio su come Andrea Martini diventi Alessandro Malaspina”, racconta la Librandi è anche animatrice della seguitissima sezione Costume del blog Le Meraviglie (www.lemeraviglie.net) e sta pensando a un seguito di ‘C’ero una volta…’. “Magari il pubblico si affeziona a questo personaggio e allora scriverò un sequel” conclude.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top