Ecco perché Silvio B. non ha voluto candidare Scajola

Shares

La domanda era: ma perché Silvio Berlusconi non ha voluto Claudio Scajola tra i suoi più fidati amici per la ricostruzione di Forza Italia?

Era finalmente una persona libera, senza più problemi con la giustizia.

Un giudice coraggioso l’aveva assolto dall’accusa di aver comprato a sua insaputa casa con vista sul Colosseo con i soldi di un imprenditore.

Altra domanda: ma perché l’ex Cavaliere non ha fatto nulla per ricandidarlo in Europa? Perché estromettere un politico dalle innegabili doti organizzative da un movimento politico che aveva già contribuito a far nascere e che oggi sembra boccheggiare?

I malpensanti, quelli che stanno sempre lì a pontificare, moraleggiare e inciuciare su pensieri, azioni e parole di nonno Silvio, già so che penseranno che sapeva che la procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria lo avrebbe arrestato con l’accusa di aver favorito la latitanza all’estero di un imprenditore amico, tal Amedeo Matacena, accusato di essere un favoreggiatore della ‘ndrangheta, e di averlo agevolato ad occultare la reale titolarità e disponibilità dei suoi beni .

Brutta storia quando si viene a sapere che un ex ministro dell’Interno finisce in galera con queste accuse.

Paolo Chiariello

Sono Paolo Chiariello, ho 40 anni, faccio il giornalista a Sky tg24 dopo aver lavorato a Panorama, in Rai, al Roma e in altri giornali. Sono nato a Sant'Antimo, in provincia di Napoli, dove ancora ho parenti e amici ma dove manco da 20 anni. Il mio sogno è restare al Sud e smetterla di parlare e scrivere di Nord e Sud ma di Italia, del Belpaese che i nonni ci hanno consegnato e che noi abbiamo stuprato, devastato, inquinato e svenduto.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top