I migliori consigli per la cura dell’orto in ottobre

Shares

Con l’arrivo del mese di ottobre, ci si addentra nella stagione autunnale vera e propria. È un momento molto importante per la cura dell’orto e del giardino che dà il suo spettacolo con le foglie che si tingono di colori caldi come il giallo, arancione e rosso per poi cadere a terra. Per quanto riguarda l’orto, la maggior parte degli ortaggi estivi non sopporta il freddo, muore, va coperta o sostituita con altri.

Per capire meglio che cosa fare negli spazi verdi domestici di casa come l’orto e il giardino, basta iniziare a leggere di seguito questo breve approfondimento.

I lavori nell’orto in ottobre

Per iniziare, in autunno è necessario iniziare a curare l’orto per mettere a dimora le piantine. Ovviamente, è necessario togliere dagli appezzamenti gli ortaggi estivi, dopo aver raccolto gli ultimi prodotti come pomodori, melanzane, cetrioli, peperoni, peperoncini, zucchine. Avere una utile casetta per il ricovero degli attrezzi è quello che ci vuole ci vuole per tenere in ordine tutto quello che serve per prendersi cura degli spazi verdi come il giardino e l’orto domestico.

Di solito, è buona norma lasciare un appezzamento a maggese, cioè non coltivandolo durante la stagione fredda affinché sia più produttivo l’anno prossimo. Il terreno va dissodato, vangato e concimato per restituire nutrienti al terreno. A proposito, l’autunno è il momento ideale per usare il compost. Si tratta di un concime autoprodotto, gratuito e naturale per arricchire la terra.

Chi non ha il compost, può comunque interrare nel terreno un altro tipo di concime, meglio se di tipo naturale e organico come il letame. Una volta incarnato, il concime matura al meglio durante gli inverno e infonde gli elementi nutritivi nel terreno perché diventi più produttivo in primavera ed estate.

Che cosa trapiantare nel mese di ottobre

Chi desidera produrre a casa frutta, verdura e ortaggi può continuare a farlo anche una volta finita la bella stagione, scegliendo con attenzione le specie per la stagione autunnale. Nel mese di ottobre ci sono due macro categorie adatte per l’orto: quelle che crescono molto velocemente e quelle che resistono al freddo. Esempi di ortaggi che una volta piantati impiegano poco tempo per crescere sono le insalate, i radicchi, spinaci, le biete, le coste, le cime di rapa e anche le radici come rapanelli e carote.

Sono invece ortaggi che possono restare a dimora anche nei mesi freddi senza soffrire le cipolle, l’aglio, i piselli, lo scalogno, il cipollotto, le fave e anche tutti i tipi di cavoli come cavolfiore, cavolo cappuccio, cavolo cinese, broccoli, cavolo nero, cavoletti di Bruxelles, cavolo verza. Ottobre è il mese per eccellenza della zucca che andrebbe piantata già in estate.

Che si tratti di una o dell’altra categoria, il consiglio migliore è quello di preparare le piantine già nei mesi precedenti in semenzaio oppure acquistarle direttamente in vivaio dato che in questa stagione non vale la pena seminare in terrapiena poiché i semi o i piccoli germogli potrebbero morire a causa di un improvviso e brusco calo delle temperature.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top