';

Il nibbio reale colpito a morte da una pala eolica. “Fermiamo la strage degli uccelli”

Gli impianti eolici stanno facendo ”strage di biodiversità uccidendo rapaci e cicogne, oltre a compromettere ampie porzioni di territorio e di paesaggio italiano”. Lo afferma la Lipu, che chiede lo stop agli incentivi di settore dopo l’ennesimo incidente che ha visto coinvolto un raro esemplare di nibbio reale presso l’impianto eolico di Bisaccia (Avellino).

L’impatto contro le pale eoliche, fa sapere l’associazione, ha tranciato gran parte dell’ala del rapace, che ora è a rischio eutanasia. Lo sviluppo del settore eolico è avvenuto con modalità distorte che hanno causato scempi di territorio e danni alla natura, dalla Puglia al Molise, dalla Campania e dalla Basilicata fino alla Calabria e alle isole, dichiara Claudio Celada, direttore Conservazione natura della Lipu, che sottolinea come gli impianti andassero “realizzati solo in aree già degradate e lontano dalle rotte migratorie e dalle zone di forte presenza degli uccelli”. Per il presidente della Lipu, Fulvio Mamone Capria, ”occorre cambiare subito le regole, fermando come primo passo le aste 2014 e i loro lucrosi incentivi di durata ventennale che finiranno per ricoprire ulteriori pezzi d’Italia di inutili pale eoliche, dirottando responsabilmente queste risorse verso efficienza, risparmio e trasporti pubblici”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento