Il partito politico? Si finanzierà con un sms…

Shares

La Raccolta di fondi per campagne che promuovano la partecipazione alla vita politica sia attraverso sms o altre applicazioni da telefoni mobili, sia dalle utenze di telefonia fissa attraverso una chiamata in fonia, è disciplinata da un apposito codice di autoregolamentazione tra i gestori telefonici autorizzati a fornire al pubblico servizi..

Con questo emendamento l’On. Alberto Losacco (PD) innova la legge sul finanziamento ai partiti introducendo un elemento moderno di partecipazione e contribuzione alla vita dei politica. La sua proposta si iscrive nella legge che abolisce i rimborsi pubblici ai partiti, con un sistema a scalare dallo scorso anno fino al 2017 e che da quell’anno prevede l’abolizione totale e il passaggio alla contribuzione volontaria attraverso la dichiarazione dei redditi.

Con l’introduzione del finanziamento attraverso gli sms si impone un rapporto più stretto tra i partiti politici e i cittadini Italiani. L’emendamento a firma Losacco è un ulteriore passo in questa direzione. I partiti dovranno farsi amare di più dai cittadini, dovranno essere più trasparenti e dovranno rendicontare ogni minima spesa che effettueranno.

Domenico De Santis

Domenico De Santis, fondatore dell’associazione di STUDENTI.NET negli anni Novanta, ha ricoperto diversi incarichi nella Sinistra Giovanile, nei Democratici di Sinistra e nel PD. Attualmente è componente dell’Assemblea nazionale del PD e dell’esecutivo regionale pugliese. Sensibile ai temi sociali, della scuola e dell’immigrazione, attento osservatore dei processi d’integrazione europea dei paesi balcanici, è stato promotore dell’istituzione dell’anagrafe degli eletti nei comuni, della legge per l’accesso universale ai saperi “open source” e della proposta per l’accesso gratuito della rete wifi. Ha pubblicato con caratterimobili “La sinistra che vota Grillo” (maggio 2013).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top