“Non ho bisogno di una scorta ma di un’indagine”

Shares

Giorni fa un collega giornalista molto bravo, Fabio Postiglione, minacciato dalla camorra perché ne racconta affari, capacità di condizionare l’economia legale, infiltrare le istituzioni e raccogliere consensi là dove lo Stato non è capace di intervenire, a chi lo intervistava e gli chiedeva se avesse paura dopo alcuni attentati rispondeva: IO NON HO BISOGNO DI UNA SCORTA, HO BISOGNO DI UNA INDAGINE.

Davanti a queste parole io mi sono un po’ vergognato di essere cittadino italiano oltre che giornalista.

Cioè Fabio Postiglione, minacciato da oltre un anno, oggetto di pesanti intimidazioni quotidiane e danneggiamenti di auto e moto sotto casa e davanti al suo giornale, il quotidiano Roma, ancora non sa chi e su cosa indagano?

Forse le nostre care autorità vogliono un altro martire?

Paolo Chiariello

Sono Paolo Chiariello, ho 40 anni, faccio il giornalista a Sky tg24 dopo aver lavorato a Panorama, in Rai, al Roma e in altri giornali. Sono nato a Sant'Antimo, in provincia di Napoli, dove ancora ho parenti e amici ma dove manco da 20 anni. Il mio sogno è restare al Sud e smetterla di parlare e scrivere di Nord e Sud ma di Italia, del Belpaese che i nonni ci hanno consegnato e che noi abbiamo stuprato, devastato, inquinato e svenduto.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top