';

Parto sbagliato di gemelli. Dopo 24 anni 5 milioni di risarcimento

È una vicenda lunga un quarto di secolo, dolorosa, che coinvolge la vita di una famiglia e due gemelli.

Due bambini, ora adulti di 26 anni, ma uno di essi nato con braccia e gambe paralizzate, l’altro con gravi malformazioni al viso.

È una storia riportata dalla Gazzetta del Mezzogiorno, che ricostruisce i fatti risalenti dal 1992 ad oggi.

Una giovane mamma viene ricoverata in quell’anno all’ospedale di Gravina, in Puglia, per il rischio di un parto prematuro.

La donna viene trasferita in un altro ospedale. Qui nascono i gemelli prematuri.

Ma solo nel 2002 il fatto approda in tribunale. E ci vorranno altri 13 anni per la sentenza di primo grado e per il risarcimento.

Ma ricostruire una vicenda di 24 anni fa, come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno, è stato difficile.

La documentazione non lo permette. Quindi, l’ospedale avrebbe dovuto sconfessare circostanze di inadempimento e ciò non è avvenuto.

Il Tribunale Civile di Bari, nel 2015, ha riconosciuto 2,6 milioni di euro di risarcimento, divenuti 4,5 e che devono essere pagati dalla Regione Puglia, dall’ex USL Bari 8.

La storia è venuta fuori solo ora, perché i genitori hanno effettuato un pignoramento di 6,8 milioni e il Consiglio Regionale deve riconoscerli fuori dal bilancio.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento