Questo sito contribuisce alla audience di

Una storia da cantare: la serata su Lucio Battisti chiude il progetto “road to Sanremo”

Shares

Il 30 Novembre è andata in onda l’ultima delle tre serate dedicate a tre cantautori che hanno lasciato il segno e cambiato la musica italiana.

Nella terza serata è toccato a Lucio Battisti, o meglio, ad un lasso di tempo ben preciso della carriera dell’artista di Poggio Bustone: quello della collaborazione con Mogol.

Snobbando completamente le altre collaborazioni di Lucio Battisti, la terza e ultima puntata si è concentrata sulle canzoni prodotte con Mogol, ospite per l’intera serata.
Spicca l’assenza dei figli di Lucio Battisti e di chi ha collaborato col cantautore scomparso nel 1998, il paroliere e scrittore Pasquale Panella.

Leggi anche. Una storia da cantare: la seconda serata è dedicata a Lucio Dalla

Una serata che non rimarrà negli annali delle produzioni RAI se non per le critiche dei telespettatori.
Poche le interpretazioni che hanno emozionato: Roberto Vecchioni che interpreta magnificamente “Emozioni”, accompagnato dalla chitarra di Massimo Germini, Nikki Nicolai con “Insieme” e Bianca Guaccero che riesce a domare l’emozione e a interpretare magnificamente “Ancora tu”, “Non è Francesca” e “Acqua azzurra, acqua chiara”.

Non sono mancate le interruzioni della serata per promuovere le produzioni di “mamma Rai” nel perfetto stile sanremese e oltre a questo si può dire che è stata una puntata in cui si è parlato di ciò che già si conosceva di Lucio Battisti.

Leggi anche. La prima serata è dedicata a De André

Cosa resta di queste tre serate è un progetto “road to Sanremo” con un Festival, ormai alle porte e che prepara psicologicamente a quello che vedremo a febbraio 2020 sul palco dell’Ariston.

Molto probabilmente, alcuni degli artisti che si sono esibiti durante le tre serate li ritroveremo, a febbraio, sul palco del Festival di Sanremo inclusi alcuni dei “giovani” che verranno probabilmente promossi nella sezione “Big”.

Unica nota curiosa è stata vedere Mogol, presidente di SIAE ed Enrico Ruggeri, uno che la SIAE l’ha lasciata ed è l’unico dei pochi a raccontare cosa è diventato il mondo della musica nel terzo millennio.

Salvatore Imperio

Salvatore Imperio, nato a Foggia il 14 Luglio 1982, appassionato di musica, Digital Journalism e social media. Blogger, fonda il sito di informazione dedicato esclusivamente alla musica indipendente “MIE Musica Italiana Emergente” in cui, insieme ad altri appassionati e ricercatori di musica, si occupa di raccontare e informare del vero fermento che la musica italiana sta vivendo. “La musica mi ha già salvato più di una volta e io non posso che raccontarla alla gente” questa è la visione che Salvatore Imperio ha in mente perché “non si può vivere di tormentoni e canzoni che non dicono niente”. Diplomato in Informatica, è iscritto al corso “Culture digitali e della comunicazione” del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top