Questo sito contribuisce alla audience di

Gli ipogei funerari dell’area sipontina, un unicum archeologico da valorizzare e tutelare

Shares

Alcune tombe confermano l’esistenza di un grandissimo bacino archeologico e storico ancora tutto da scoprire.

Gli ipogei funerari dell’area sipontina, sono stati finalmente aperti al pubblico. Un unicum dal punto di vista archeologico che caratterizza la città romana che si affacciava sulla laguna che dall’Adriatico si incuneava fino ad Arpi, l’attuale Foggia. Fanno parte di questo complesso di strutture anche gli ipogei Capparelli (dal nome del proprietario del terreno su cui insistono), gli ipogei Scoppa 1 e Scoppa 2 (dalla località in cui si trovano, la pineta di Siponto) e l’ipogeo Santa Maria Regina (inglobato nelle fondamenta della chiesa parrocchiale).

Spesso sottostimati, nonostante la loro rilevanza storico-culturale, hanno finalmente ottenuto la loro giusta considerazione e il loro “riscatto” visto il continuo interesse suscitato. L’ipogeo Capparelli, il più complesso dal punto di vista strutturale, restaurato appena un paio di anni fa a cura del Mibact, era stato poi lasciato praticamente incustodito. Una sorte più dignitosa era stata riservata ai due ipogei Scoppa: l’ Archeoclub di Siponto è riuscito a ottenere il loro affidamento dal consorzio di bonifica di Capitanata in collaborazione con l’Arcidiocesi di Manfredonia e la parrocchia di Siponto.

Una iniziativa culturale – riferisce il presidente dell’Archeoclub, Aldo Caroleoche si propone di valorizzare importanti cimeli dell’antica Siponto, unitamente agli altri presidi culturali tra cui il museo etnografico “Melillo”, e architettonici come la basilica di santa Maria Maggiore e i resti di quella paleocristiana per preservare Siponto dal degrado e dall’abbandono in cui versa”.

Il primo passo è stato quello di ripulire le due strutture da ogni sorta di sporcizia. In particolare l’ipogeo Scoppa 2 che, secondo fonti storiche, è il luogo dove il vescovo di Siponto, Lorenzo Maiorano, edificò nel VI secolo una chiesa dedicata ai protomartiri Stefano e Agata. Tra gli altri recuperi anche i resti di uno splendido mosaico probabilmente parte del pavimento della chiesa“.

Questi monumenti sepolcrali potrebbero essere le evidenze di una necropoli sotto la pineta – chiosa Caroleo – Alcune tombe emergenti dal manto tufaceo, resti di coperchi di sarcofagi confermano l’esistenza di un grandissimo bacino archeologico e storico ancora tutto da scoprire”.

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top