Gli scavi di #Pompei in 4D. Per tutti

Shares

«Sarebbe ora che si parlasse di Pompei per queste cose e non per i muri che crollano». Ecco, nasce un po’ da questa frase di Alessia Zabatino community manager di Open Pompei il voler sostenere un evento come Scriptorivm, l’hackathon che chiude il lavoro del gruppo che negli ultimi anni si è impegnato a rendere pubblici tutti i dati riferiti agli scavi.

«Il valore di un’operazione simile – mi dice Alessia – è compreso a diversi livelli da parte della popolazione. Io credo che sia importante sottolineare che dalla pubblicazione dei soli dati sugli appalti (giusto per dirne una) si agisce in netto contrasto con la criminalità organizzata».

Un’operazione non da poco e di pubblica utilità a cui adesso tutti sono chiamati a partecipare. Il 19 e il 20 giugno ci sarà infatti Scriptorivm, il primo hackathon organizzato all’interno di un parco archeologico. L’intento è quello di mappare tutti gli scavi in 4D, creare un archivio fotografico georeferenziato, digitalizzare le piantine di Pompei e mettere in piedi un sito internet che raccolga tutto ciò. I posti disponibili sono 50 e sono prenotabili gratuitamente a questo indirizzo. Naturalmente stanno andando via molto in fretta, quindi se state pensando di andare, prenotate il vostro posto adesso.

Oltre a Alessia, questa puntata di Start Me Up ospita Angelo Sanfilippo, Digital Champion di Licata, che settimana scorsa ha inaugurato la sede dell’associazione di cui fa parte: Startup Plus. Con lui altri sette soci, con l’intento di portare innovazione e formazione digitale in provincia di Agrigento. Già sono attive alcune convenzioni con le scuole e l’università e il prossimo il 12 giugno ci sarà il primo evento: un workshop gratuito su come creare app per iOS.

Infine parliamo di sharing economy perché Timerepublik ha da poco inserito un widget che permette a chi possiede un blog di essere pagato in tempo dai propri lettori. Chi scrive può usare quel tempo accumulato per pagare i 70.000 servizi offerti dalla community della piattaforma italo-svizzera.  «I primi esperimenti sono andati più che bene – dice Gaetano Biondo, country manager per l’Italia di Timerepublik – Gloria Vanni, blogger milanese, ha guadagnato 14 ore con un solo post». Inoltre crescono giorno dopo giorno i siti che decidono di adottare il widget. Anche il sito di Start me up lo ha. Se passate, regalate un po’ del vostro tempo.

Fabio Bruno

Sono un ascoltatore onnivoro e curioso, con un amore incondizionato per il suono. Dopo la laurea ho lavorato per un paio d’anni a 110 webradio, emittente ufficiale dell’Ateneo di Torino e nel frattempo ho preso parte alle attività di RadioSpazio Creativo, laboratorio di scrittura radiofonica, curando diversi laboratori sul montaggio audio. Dopo un anno in Australia creo Start Me Up, podcast settimanale dedicato all’innovazione nel Sud Italia.

One comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top