I dirigenti del #Locri calcio femminile lasciano. L’amministrazione comunale lancia un appello per trovare nuovi soci

Shares

La vicenda delle ragazze del Locri Calcio, ha bucato le maglie strette della cronaca locale, approdando a quella nazionale.

Uno scenario ampio, che ha visto l’intervento del presidente della Figc Tavecchio, quello del Coni Malagò e guadagnare le prime pagine dei giornali.

Lo Stato è intervenuto in maniera netta, con il prefetto di Reggio Calabria che ha istituito forme di tutela per gli interessati dalle minacce della n’drangheta.

L’amministrazione comunale del comune regino, ha chiesto che venga fatta chiara luce su “un episodio che mortifica un territorio”.

Ed il sindaco, Giovanni Calabrese, in questi giorni ha incontrato i dirigenti della squadra di calcio, i quali hanno confermato purtroppo di non voler continuare la loro avventura sportiva, per le minacce ricevute.

A questo punto l’amministrazione si è fatta promotrice di un appello, affinché nuovi soci possano subentrare per dare continuità al sodalizio sportivo.

E gli amministratori si sono fatti anche garanti della fase di transizione per “non far disperdere un patrimonio sportivo dell’intera Calabria”.

Lucrezia Cicchese

Credo che ogni individuo abbia il privilegio di scegliere il modo in cui manifestare il suo più alto potenziale. L'ho fatto tornando nella mia terra d'origine: il Molise. A 19 anni, ho lasciato il Piemonte per trasferirmi a Campobasso e studiare Scienze della Comunicazione. Contemporaneamente ho iniziato a lavorare per varie redazioni locali fino a realizzare, nel 2008, un quotidiano online nazionale "italianotizie.it". Sempre alla ricerca di nuovi stimoli, ho deciso di specializzarmi nella progettazione europea. Sono parte del gruppo di europegarage.it un portale sui finanziamenti europei.

One comment

  • Avatar

    Francesco Ferro

    7 Gennaio 2016 - 05:30

    quello che vorrei capire è quali sono gli interessi che stanno dietro a queste minacce, anche perché tutti hanno raccontato il fatto ma nessuno ne ha mai parlato

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top