Il Maschio Angioino ospita Marcondirondirondello: satira, arte, musica per rivalutare il territorio

Shares

Lo scopo è di promuovere la sana aggregazione e sensibilizzare il pubblico alle pratiche di rivalutazione del territorio e per farlo Kestè e l’associazione Artèteka, per il secondo anno, organizzano Marcondirondirondello (Ma che bel Kestello). L’appuntamento è per domani, 10 settembre, nel Maschio Angioino per una serata di satira, arte e musica. Il ricavato sarà utilizzato per la riqualificazione di Largo San Giovanni e la realizzazione di una galleria d’arte all’aperto.

Arte, musica, aggregazione, rivalutazione territoriale sono le parole chiave usate da 20 anni dal Kestè. Dallo storico locale è nata una costola sociale, l’associazione Artèteka, che si occupa della rivalutazione di Largo San Giovanni Maggiore e del Decumano del Mare.

L’iniziativa “Marcondirondirondello”, con il sottotitolo giocoso “ma che bel Kestello”, nasce nel 2016, grazie al sostegno dell’amministrazione de Magistris nella persona dell’assessore alla cultura Nino Daniele. La manifestazione è stata pensata per diventare nel tempo un festival che dia risalto agli artisti che il Kestè ha conosciuto e ospitato durante il corso della precedente stagione artistica e un modo per aggregare quanti vogliono sostenere le idee e i principi promossi da Artèteka e dal Kestè.


La serata di domenica 10 settembre prevede uno spettacolo di satira, due concerti, due esposizioni (illustrazione e fotografia). Per questa speciale data il Maschio Angioino accoglierà uno dei grandi nomi della stand up comedy nazionale: Giorgio Montanini. Il comedian marchigiano è uno dei padri fondatori del movimento della stand up comedy in Italia. Ha mosso i primi passi nel gruppo Satiriasi”, ma in breve tempo ha riscontrato un grande successo che lo ha portato ad essere protagonista di importanti trasmissioni televisive su Sky (Comedy Central) e Rai (Ballarò, Nemo, Nemico Pubblico). Lo spettacolo, consigliato a un pubblico adulto, avrà inizio alle 21.00. 

Dalle 22.00 avrà inizio lo spettacolo musicale che sarà danzereccio, allegro e coinvolgente e con spunti di riflessione e denuncia grazie a due grandi gruppi musicali, scelti per la loro capacità di rappresentare la condivisione e la sperimentazione. Con dieci elementi, La Bandarotta Bagnoli e in chiusura i BatàNgoma alle 23.00 sapranno creare un’atmosfera di festa, facendo vibrare il Maschio Angioino.


Durante la serata ci sarà spazio anche per l’arte visiva di Agostino Rampino, fotografo illusionista, creatore di “Sign and Spot”, una mostra tra il naturale e il soprannaturale. Inoltre, saranno presentati i progetti di Artèteka e il programma artistico del Kestè per il nuovo anno. Marcondirondironedello vuole rappresentare dunque l’apertura della stagione 2017/2018, un po’ come se si trattasse del primo giorno di scuola, una scuola allegra e stimolante, quella made in Kestè.

Riccardo Trecca

Giornalista e blogger.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top