L’analisi è frutto di unaricerca effettuata dalla nota rivista “Quattroruote”.

Parcheggiare a Napoli è ormai impossibile. E’ quanto emerso da una ricerca effettuata dalla nota rivista “Quattroruote” per fare un focus proprio su quelle città in cui l’uso dell’automobile è fondamentale, vista la scarsa offerta dei mezzi pubblici.

Napoli è risultata la città più costosa per quanto riguarda i parcheggi nelle strisce blu ed è ai primi posti, tra le più costose, anche se si vuole parcheggiare in un garage.

La funicolare di Mergellina – emerge dall’inchiesta – è stata chiusa per aprire quella Centrale, impianto che ha avuto una serie di problemi dopo il rientro in esercizio. La linea 1 del metrò, inoltre, offre un servizio tutt’altro che efficiente, considerando i vari disservizi.

Altro problema diffuso a Napoli e nelle zone limitrofe è quello dei parcheggi abusivi che in genere creano non pochi problemi agli automobilisti in regola che spesso sono costretti, a sborsare altro denaro pur di accedere a un diritto già acquisito.

A livello nazionale l’indagine si è occupata anche delle tariffe in vigore a Milano, Torino e Roma.

A Milano, all’interno della cerchia dei Bastioni, a partire dalla seconda ora, il prezzo per la sosta nelle strisce blu è di 4.5 euro l’ora (3 euro per la prima). Seguono Torino e Napoli con 2.5 euro l’ora per il parcheggio nelle strisce blu della Ztl del centro. Chiude la graduatoria Roma, con 1.2 euro l’ora, sempre all’interno della Ztl.

Infine, Quattroruote ha preso in esame i costi di un campione di dieci garage delle zone centrali delle quattro città, rilevandone le tariffe orarie per una vettura media. Le strutture più care sono risultate quelle di Roma (7 euro), contro i 5 di Milano, i 4 di Napoli e i 3.5 di Torino.