Storia commovente. Muore il marito dopo 15 minuti si spegne anche lei

Shares

Una storia ai confini della realtà. “Finché morte non vi separi”. E quando la morte l’ha separata, lei si è spenta, seguendolo.

Villaricca è un paese di 30.000 abitanti, dell’hinterland napoletano. Il luogo dove è nato Sergio Bruni, un pezzo di storia della canzone napoletana. Un paese cresciuto velocemente, quando Napoli non è riuscita più a stare nei propri confini.

A Villaricca, vivevano i coniugi Iacolare. Nel centro storico, quel nucleo che al momento dell’unità d’Italia, contava 2.000 abitanti.

Lui settanta anni, lei sessantanove, gestivano un negozio di frutta a due passi dal Municipio.

Un giorno Vincenzo Iacolare accusa un malore. Viene chiamata l’ambulanza. Non c’è scampo.

A lei viene comunicata la morte e accusa un malore. Sono passati quindici minuti. I due coniugi sono morti.

La notizia commuove la cittadina. Al funerale bisogna transennare alcune strade per la partecipazione.

Questo accadimento, avvenuto in un paese del Sud, ha qualcosa di universale, di misterioso, di eterno. E’ l’emblema di una delle sfaccettature di un legame di sentimenti. E non vuole essere cronaca, ma racconto.

Gioviana Tedeschi

Gioviana Tedeschi, giornalista pubblicista di Lucera (Fg). Attualmente addetto stampa e responsabile del Fondo Ambiente Italiano, Gruppo FAI Lucera, e di una rubrica pubblicitaria sul web. Corrispondente per emittenti locali, vicina al mondo della sensibilizzazione, prosegue la sua formazione scientifica presso l'Università degli Studi di Foggia.

Comments (3)

  • Avatar

    Pasquale

    4 Maggio 2016 - 10:45

    Mio nonno e mia nonna nel lontano 1975 volarono in cielo esattamente nello stesso modo…..ci sono delle alchimie che non capiremo mai….erano sepolti l’uno accanto all’altra e per anni quando andavamo al cimitero a salutarli con la mamma ero convinto che fosse normale morire insieme…..Siate eternamente felici come lo sono i miei nonni dal 1975.

    Rispondi
  • Avatar

    Rinaldo

    4 Maggio 2016 - 14:08

    Quando due persone sono così indissolubilmente legate, non è raro che la morte dell’uno incida in questo modo sull’altra. Rimane la consolazione che la signora ha sofferto per poco, diversamente, visti i presupposti, il resto della sua vita sarebbe stata una pena.

    Rispondi
  • Avatar

    Giovanni

    4 Maggio 2016 - 16:21

    Vorrei riportare la mia testimonianza….. Anche con i miei nonni è accaduta una cosa simile. Dopo la morte di mio nonno, mia nonna non è riuscita a reagire, si è sentita persa, nonostante l’affetto dei figli e dei nipoti, ….si è lasciata andare e lo ha raggiunto dopo neanche un mese……Grande dolore per figli e nipoti, ma dietro c’era la consapevolezza di un legame indissolubile.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top