Questo sito contribuisce alla audience di

Terremoto a Ischia: crolli, un morto, 26 feriti e tanta paura

Shares

Alcune ore fa una scossa di terremoto di magnitudo 4 ha colpito Ischia e in particolar modo il comune di Casamicciola, causando blackuot elettrici in alcune località, crolli e attimi di paura e sgomento nelle persone che, incredule su quanto stesse accadendo, si sono riversate in strada.

Una donna è morta (Lina Cutaneo, colpita da calcinacci durante il crollo della chiesa Santa Maria del Suffragio), 26 persone sono rimaste ferite e 3 estratte dalle macerie, questo, al momento l’esito della terribile situazione che ha colpito Ischia, nella stessa zona in cui nel 1883 un terremoto distrusse il comune di Casamicciola.

Diversi gli edifici completamente crollati, evacuati alberghi e l’ospedale Rizzoli.

L’epicentro del sisma di circa dieci chilometri, nelle vicinanze della costa del comune di Forio ad Ischia.

Subito dopo la scossa è immediatamente scattato il piano di emergenza sanitario per i soccorsi alla popolazione: è stata disposta una unità di crisi del Cardarelli per eventuali necessità di trasporto in eliambulanza. L’ospedale dell’isola è stato invece evacuato per verifiche strutturali.

Sui luoghi interessati dai crolli le squadre di volontari della protezione civile regionale, e Vigili del fuoco, giunti ancheda Napoli, sono continuamente al lavoro. È stata inoltre allestita, ed è pienamente operativa, un’area di pronto soccorso esterna all’ospedale Rizzoli, in attesa delle verifiche di staticità sulle strutture.

La scossa di terremoto è stata avvertita in maniera distinta anche in alcune zone dell’area flegrea, in particolare sul Monte di Procida e le zone alte di Bacoli e Pozzuoli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top