Questo sito contribuisce alla audience di

Un musical per rivivere la storia di don Pino Puglisi, il piccolo grande parroco ucciso dalla mafia

Shares

Nel giorno dedicato al ricordo di don Pino Puglisi, il primo martire della Chiesa ucciso dalla mafia 24 anni fa, è stato annunciato, come riporta l’Ansa, che diventerà un musical la sua storia umana e il suo martirio.

A darne notizia è stato l’arcivescovo Corrado Lorefice al termine della celebrazione eucaristica in cattedrale, in occasione della commemorazione di “Tre P” (Padre Pino Puglisi).

L’opera affronterà le tematiche esistenziali e vocazionali che hanno caratterizzato il cammino sacerdotale e le opere di don Puglisi. L’ha ideata don Giuseppe Calderone, che ne ha curato anche il soggetto e l’ambientazione nella comunità parrocchiale di Brancaccio dove don Pino era impegnato a sottrarre i ragazzi del quartiere alla cosca dei Graviano.

Michele Paulicelli ha composto le musiche mentre i testi sono del regista Piero Castellacci. Entrambi sono autori di altri musical a carattere religioso, tra i quali quello famosissimo su San Francesco d’Assisi “Forza, venite gente” e sulla vita di madre Teresa di Calcutta “La Matita di Dio”.

I testi musicali che comporranno l’opera teatrale saranno in gran parte le parole pronunciate di don Puglisi, tra cui il motto “Sì, ma verso dove?”, inteso come ascolto e cammino consapevole alla ricerca di Dio. Lo spettacolo andrà in scena l’anno prossimo per il venticinquesimo dell’uccisione di don Pino.

Di seguito, il video de Il Messaggero.it dedicato a don Puglisi, contenente la scena di “Alla luce del sole” che racconta la sua storia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top