A #Potenza ho imparato a camminare nella neve

Shares

Potenza è la città in cui sono nato, troppi anni fa, da genitori napoletani che non hanno mai smesso di parlare di Napoli e di voler tornare nella loro città, bloccati per ragioni di lavoro.

Lì sono cresciuto. Ci ho fatto l’asilo e le elementari. Ho imparato a camminare nella neve. A riconoscere gli altri bambini. A schivare qualche pericolo. A cercarmelo.

Poi, quando stavo per compiere nove anni, come succede ai bambini, sono stato messo in macchina e portato via. La famiglia si è ricongiunta a Napoli. Loro felici, io disorientato.

Ma, proprio come succede ai bambini, ho messo tutto da parte in fretta e sono tornato a schivare e a cercare.

Potenza, però, è rimasta lì, nel deposito di tutti i racconti, di molti ricordi, come la nonna che non c’è più. Ne ho parlato e sentito parlare, e quante volte ho detto Potenza, alla domanda su dove ero nato.

Quante volte l’ho letta sui documenti, questa città che non mi ha mai lasciato anche se non so più nemmeno dove si trovi di preciso. Come ci si arriva. Da dove comincia.

Lo scoprirò perché ci torno. Presento il mio libro alla Ubik Libreria Potenza.

E l’emozione – potete capirlo – questa volta è grande davvero.

Antonio Menna

Antonio Menna è nato a Potenza ma vive a Napoli da bambino. Laureato in Scienze politiche, ha cominciato a collaborare con i giornali a 18 anni e non ha più smesso. E' iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 1991. Collaboratore del quotidiano Il Mattino, suoi articoli sono apparsi su testate nazionali e locali, tra cui Il Manifesto, Liberazione, la Tribuna, i settimanali Vita e Avvenimenti, il mensile La Voce della Campania, il sito web Fanpage. Si occupa anche di uffici stampa, social media e comunicazione sul web. Nel 2007 ha pubblicato il suo primo romanzo, Cocaina & Cioccolato (Cicorivolta edizioni), seguito nel 2009 da Baciami molto (Cicorivolta edizioni), nel 2012 da Se Steve Jobs fosse nato a Napoli (Sperling & Kupfer), nel 2013 da Tre terroni a zonzo (Sperling & Kupfer). Ha vinto il premio letterario Elsa Morante – Nisida, nel 2012, e il premio giornalistico Francesco Landolfo, nel 2013. Ha un blog molto seguito (www.antoniomenna.com).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top