Questo sito contribuisce alla audience di

Addio a Luciano De Crescenzo: l’ingegnere filosofo che raccontava Napoli e il Sud

Shares

Tra un mese avrebbe festeggiato 91 anni. E invece, a poche ore dal lutto per la cultura italiana con l’addio ad Andrea Camilleri, un altro pezzo d’arte del Sud va via: è morto Luciano De Crescenzo. L’ingegnere filosofo è deceduto a Roma: le sue condizioni di salute erano precarie da tempo e sono state letali le conseguenze di una polmonite.

Muore l’uomo, resta la sua eredità morale e intellettuale. Perché la sua produzione è vasta e ampia. Solo qualche numero per rendere il concetto: oltre cinquanta libri, 18 milioni di copie vendute nel mondo, di cui 7 milioni in Italia. Le sue opere sono state tradotte in 19 lingue e diffuse in 25 Paesi. E poi i film indimenticabili “Così Parlò Bellavista” e “32 dicembre”.

Un artista poliedrico, capace di indossare numerose vesti, da scrittore a regista, attore e autore che arrivò al grande pubblico prima come ironico divulgatore della filosofia e autore di best seller di saggistica tradotti in decine di lingue. Poi, come regista, attore e conduttore televisivo.

E il suo successo passa anche dalla tv. Lo dimostrano programmi come “Zeus – Le Gesta degli Dei e degli Eroi” sui miti e sulle leggende degli antichi greci. Proprio la tv “decise” il suo futuro. dapprima ingegnere all’Ibm ma con la grande passione per la divulgazione, i libri, la filosofia, De Crescenzo fu ospite del Maurizio Costanzo Show e lì, con un clamoroso ‘referendum’ televisivo chiese: «È meglio che faccio lo scrittore o che torno a fare l’ingegnere?».

La risposta la diede il pubblico. E fu giusta. Addio, Luciano.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top