La #pinacoteca nascosta della #FieradelLevante

Shares

Si chiama L’eredità invisibile” e il riferimento è alla pinacoteca della Fiera del Levante che fino ad ora è rimasta nascosta e quasi sconosciuta.

Quest’anno, negli ultimi giorni dell’edizione 2015 della campionaria, i visitatori potranno ammirare nel nuovo centro polifunzionale congressi, le opere di proprietà dell’ente, acquistate negli anni ’70 e ’80 dai presidenti Vittorio Triggiani e Stefano Romanazzi o regalate alla Fiera fino ad oggi.

La mostra è stata organizzata grazie al sostegno della fondazione Cassa di Risparmio di Puglia e promossa dal consigliere Mimmo Magistro e dall’architetto Gianvito Spizzico.

In mostra i lavori di Turcato, Scialoja, Calderara, Scanavino, Veronesi, Rotella, Marchegiani, Castellani, Peverelli, Angeli, Adami, Merz, Calzolari, Boetti, Del Pezzo, Warhol, Tadini, Savinio, Pericoli, Boero, Germanà, Paladino, Munari, Spoldi, Spizzico, Zaza, Conenna.

In tutto 30 opere che sarà possibile ammirare fino alla giornata di oggi.

Mauro Denigris

Nato 40 anni fa in Svizzera, laureato in Giurisprudenza, giornalista professionista dal 2003, già corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno. Ho vinto il premio Saint Vincent nel 2004, sono stato finalista al premio Ilaria Alpi nel 2009 e ho ricevuto una menzione speciale al premio Giornalisti del Mediterraneo nel 2009. Direttore di As da luglio 2012 a luglio 2013.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top