Paola Bottero

Paola Bottero è torinese di nascita (26 novembe 1967), romana per scelta (si stabilisce nella capitale per lavoro nel 1990), calabrese per adozione (approda nella punta dello Stivale nel 2000, non la lascia più). Giornalista e comunicatore pubblico e strategico per professione, zingara apolide in cerca di risposte, trova nella narrazione lo strumento per cercare di liberarsi della propria impotenza e della propria rabbia. Inizia a raccontare storie. Per restituire umanità a fatti e nomi di cronaca. Il suo primo romanzo è ius sanguinis (Città del Sole, Rc, 2009), in cui intreccia le storie di Alice, vittima di violenza al femminile, Federica Monteleone, vittima di malasanità, Roberta, sorella di Gianluca Congiusta, vittima innocente dalla 'ndrangheta, e Lisa, metafora della malapolitica che non sa arrestare, anzi alimenta il declino sociale. 'Ndranghetown (Agenzia X, Mi, 2011) è il passo successivo: un fantanoir che scava nelle radici della mafia proiettando un futuro possibile, il peggiore, sul Ponte sullo Stretto. Con bianco come la vaniglia (sabbiarossa, Rc, 2011), racconto di vita di Francesco Inzitari, ucciso a 18 anni dalla 'ndrangheta, si chiude la "trilogia dell'espulsione". L'esperienza di editore (sabbiarossa) nasce per aggregare, per ampliare spazi liberi di denuncia, che si aggiungono a quelli di sciroccoNEWS. Scrive con Alessandro Russo senza targa (sabbiarossa, Rc, 2012), viaggio nella Calabria della buonavita, tra dodici "apostoli" della parte sana, quella che non si arrende. Con Arena, Chirico, Riso e Russo scrive il libro-inchiesta la 'ndrangheta davanti all'altare (sabbiarossa, Rc, 2013). Il suo quarto romanzo, carta vetrata (sabbiarossa, Rc, 2013), uscito a metà novembre, parte dal mondo del giornalismo per raccontare il degrado della società moderna, dove l'apparenza è diventata sempre più spesso sostanza. Dall'inizio di novembre 2013 conduce, con Marisa Larosa, il programma ossi di seppia, contenitore radiofonico settimanale, da lei ideato, sulle storie positive della Calabria e del Sud Italia.

“Il Sud è niente”. La voglia di riscatto nel film di Fabio Mollo

Dialogando di silenzio, partenze e restanze con Fabio Mollo, regista calabrese in cerca di risposte. In attesa della prima del

tagli

Sanità smantellata, cultura negata, mare inquinato. Così muore la Calabria.

La notizia è freschissima: la Calabria è tra le regioni che hanno tagliato di più in sanità pubblica, e ora

Sabbia Rossa

La collana dei libri virtuali

In spiaggia sotto l’ombrellone con un e-reader. Avercelo. Il lettore ultimo modello (Kindle o Kobo che sia) e, soprattutto, il

I1-altare-cover-stesa

La ‘ndrangheta davanti all’altare. Così la Chiesa scende a patti con la criminalità

Sappiamo come la ’ndrangheta è entrata nei gangli della società civile, passando per politici compiacenti, entrando nelle istituzioni, controllando appalti

Carolina Girasole

Il sindaco anti-‘ndrangheta sconfitto alle elezioni

Come isolare Isola. Potrebbe essere questo il tema. Che in qualche modo è declinabile anche oltre i confini del comune

Top