Allarme depressione tra i giovani: potenziare gli sportelli psicologici

Shares

Sono trascorsi decenni da quando si è iniziato a parlare di depressione tra i giovani e giovanissimi, ma di recente alcune associazioni che si occupano o si sono occupate del fenomeno, hanno lanciato un allarme preoccupante basata sui dati forniti dagli istituti di psichiatria.

Secondo alcune stime sono circa 1 milione i giovani depressi: l’8% dei giovani soffre di nevrosi d’ansia e il 5% di depressioni gravemente limitanti.

Inoltre per sette ragazzi su cento, che hanno oggi fra i 18 e i 24 anni, la malattia è cominciata prima della maggiore età.

La questione più preoccupante è che spesso il “male di vivere”, che può colpire gli adolescenti, non sempre è dichiarato a voce alta.  Tanto da passare inosservato.

I giovani colpiti manifestano intenzioni di suicidio e soffrono di disturbi della personalità, di tipo ansioso o maniaco-depressivo.

E il fenomeno sembra essere in aumento. Infatti, questa sofferenza non sempre è colta dalla famiglia, anzi risulta che spesso venga nascosta e non curata per vergogna o pregiudizio. Anche per questo probabilmente sono ancora pochi i casi che vengono diagnosticati in modo corretto e ancora meno quelli trattati correttamente. Dal manifestarsi dell’ansia alla cura del giovane sofferente passa molto, troppo tempo.

In media da nove mesi a cinque anni, con un 30% di pazienti che non riceve cure adeguate e un 40% che non assume alcuna terapia”.E ciò non fa che aggravare la malattia. Del resto per i genitori come per i docenti è difficile fare una diagnosi chiara e precoce perché i sintomi di una depressione adolescenziale sono atipici o vengono facilmente mascherati da problemi fisici o da altre condizioni in apparenza completamente estranee a questo tipo di patologia.

Ad esempio i disordini alimentari (anoressia e bulimia), il desiderio di dormire continuamente, l’insonnia, i dolori cronici, le cefalee e i disturbi gastro-intestinali possono nascondere una causa più profonda. Come pure l’abuso d’alcol e di droghe leggere. O i problemi di concentrazione e l’iperattività.

In qualità di presidente dello “Sportello dei Diritti”- anche per l’angosciante aumento di suicidi e casi psicopatologici di tipo depressivo tra i giovani– invito tutte gli enti istituzionali che per le rispettive competenze si occupano dell’argomento, ad adottare politiche più incisive e a potenziare l’attività degli “sportelli psicologici”, mettendo comunque al primo posto campagne di prevenzione sociale che oltre a minare le basi del “male di vivere” giovanile possono contribuire a ridurne notevolmente i gravosi costi sociali.

Un contributo rilevante può essere dato da una maggiore sinergia tra le “Commissioni Salute”, presenti in ogni scuola, e le Asl, con i loro “Sportelli psicologici”.

Giovanni D'Agata

Giovanni D'Agata è il presidente dello 'Sportello dei Diritti', associazione nata con lo scopo di tutelare i diritti di tutti, cittadini italiani e non, con sede a Lecce.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top