Anche i vigili del fuoco attaccano il Governo. “Mentre la Sardegna brucia, tagliano il personale”

Shares
Vigili del Fuoco

“Mentre la Sardegna brucia il Dipartimento su espressa indicazione del superiore ministero, elabora un progetto di revisione del soccorso che riduce drasticamente la presenza dei Vigili del Fuoco sul territorio. Mentre la Sardegna brucia, l’Italia ha già preso l’insensata scelta di non avere più un Corpo nazionale Vigili del Fuoco efficiente”.

La denuncia arriva dal coordinatore generale di categoria della Uilpa, Alessandro Lupo, dopo le polemiche sui ritardi e la scarsità di Canadair seguite alle 48 ore di roghi ininterrotti che nei giorni scorsi hanno mandato in cenere almeno 8mila ettari di vegetazione nell’isola costringendo all’evacuazione un migliaio di persone.

Lupo se la prende in particolare con le dichiarazioni del ministro della Difesa Mauro, tirato in ballo per l’acquisto degli F35 quando invece quelle risorse avrebbero potuto coprire le esigenze della Protezione civile.

“Le premesse di una estate devastante per la Sardegna c’erano tutte – dice il sindacalista – compresa la riduzione dei Canadair a disposizione (da 3 a 2), quale logica conseguenza di una ostinata politica di tagli lineari che ha investito e travolto il Corpo nazionale Vigili del Fuoco. Al Ministro vorremmo dunque chiedere se l’Italia può decidere di non avere un Corpo nazionale Vigili del Fuoco”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top