Attacco informatico del virus #Cryptolocker. Nel mirino aziende siciliane

Shares

Tutto inizia a gennaio, quando la polizia postale di Catania riceve 45 denunce da aziende che segnalavano attacchi informatici.

Ma la stessa fattispecie si era verificata anche a Ragusa, Messina e Siracusa.

Il caso denunciato, consiste nell’invio di una e-mail che parla di presunte spedizioni a favore della ditta, o che indica link di note aziende nel campo dei servizi.

Cliccando o aprendo l’allegato, scatta il virus informatico, che cripta la memoria dei computer.

Nella seconda fase avviene il ricatto. Cioè i “banditi” informatici chiedono una somma da pagare in bitcoin, la moneta informatica creata nel 2009, che appartiene ad una rete che permette il trasferimento di denaro. Nella mail si promette l’invio di un programma di decrittazione.

Tutto ciò non avviene, trattandosi di una truffa.

Nonostante l’impegno investigativo, che ha portato all’individuazione di diversi individui o gruppi criminali del settore, sia italiani che esteri, il pericolo permane. Anche se la vigilanza è aumentata.

Negli ultimi giorni, è partita una nuova ondata di attacchi, con l’invio di mail contenenti il virus denominato Criptoloker. E quindi la polizia postale di Catania, ha invitato a tenere sempre aggiornato il software del computer, a munirsi di buoni antivirus e di fare backup.

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top