Bari, la resistenza degli operai “in vendita”

Shares
Om Carrelli

Una sessantina di lavoratori della ‘Om Carrelli’, azienda di Bari specializzata nella fabbricazione dei carrelli elevatori, da alcuni giorni presidia lo stabilimento della zona industriale di Bari-Modugno per impedire che alcuni macchinari siano portati via.

La fabbrica di proprietà del gruppo tedesco Kion dovrebbe passare all’azienda inglese Frazer Nash e i 223 dipendenti sono in cassa integrazione straordinaria dallo scorso mese di giugno. In attesa che il nuovo soggetto industriale subentri – hanno spiegato i lavoratori – “il patrimonio dell’Om, compreso il parco macchine, deve restare fermo a Bari, come da accordi di chiusura dello scorso anno”.

Per la cessione dell’azienda era atteso un incontro il 29 aprile che dopo essere saltato non è stato ancora riconvocato dal Ministero.

Nello stabilimento barese si sono verificati momenti di tensione ieri mattina quando si è presentato un tir il cui autista ha cercato di entrare ed ha poi parcheggiato a qualche metro dal cancello, fermato dalle proteste dei lavoratori.

Foto di Pietro Defienza

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top