Questo sito contribuisce alla audience di

Gli arresti domiciliari di Cosentino? In una villa con piscina

Shares
Cosentino

A sorpresa Nicola Cosentino non é arrivato a Venafro (Isernia) ma in una villa a Sesto Campano (Isernia), ad un solo chilometro dal confine con la Campania. La villa, in località Pescheto, è immersa in un oliveto e ha una piscina. L’ex sottosegretario è arrivato con una vettura della Polizia Penitenziaria, e si é fermato alla caserma dei carabinieri di Sesto Campano per le formalità di rito. Poi è stato scortato nella villa dove ad attenderlo c’era la famiglia.

Dopo 131 giorni di carcerazione preventiva, passati in silenzio, Nicola Cosentino è da oggi un uomo “quasi” libero. Intorno alle 17,45 ha lasciato il carcere di Secondigliano dove si era costituito il 15 marzo scorso. Resterà ai domiciliari fino a nuova decisione. Il collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) presieduto da Giampaolo Guglielmo, davanti al quale è in corso il processo che vede imputato l’ex sottosegretario all’Economia per concorso esterno in associazione camorristica, ha revocato la prima ordinanza d’arresto emessa nel novembre del 2009 dal gip di Napoli Raffaele Piccirillo ordinando l’immediata scarcerazione di Cosentino; l’ex coordinatore campano del Pdl andrà ai domiciliari in virtù della decisione emessa dall’altro collegio del Tribunale di Santa Maria, presieduto da Orazio Rossi, davanti al quale è in corso il processo “Il Principe e la Scheda Ballerina” (ordinanza emessa dal Gip di Napoli Egle Pilla nel 2011, ndr) in cui Cosentino è imputato per corruzione e reimpiego di capitali illeciti aggravati dall’aver favorito i Casalesi in relazione alla costruzione di un centro commerciale a Casal di Principe (struttura mai realizzata, ndr).

Per Cosentino la scarcerazione è l’esito di una battaglia giudiziaria iniziata già prima dell’entrata al carcere di Secondigliano, con le istanze di revoca delle misure cautelari presentate dai suoi legali (Stefano Montone e Agostino De Caro cui si è aggiunto in seguito Nando Letizia) ai due collegi del Tribunale di Santa Maria; istanze rigettate pochi giorni prima che si insediasse il nuovo Parlamento (il 15 marzo) e che Cosentino perdesse l’immunità. In effetti l’ex deputato aveva cercato di orientare a suo favore le decisioni dei giudici dimettendosi da coordinatore campano del Pdl e non candidandosi alle elezioni di febbraio, anche se l’esclusione dalle liste del partito di Berlusconi lo aveva lasciato fortemente critico.

Ho lottato fino in fondo per coerenza visto che le liste Pdl abbondano di indagati. Ho sperato. Ho perso. Io pensavo che il mio partito e il presidente Berlusconi non abbandonassero la linea garantista”, disse con amarezza in una conferenza stampa convocata nel gennaio scorso. Ma la dismissione da tutte le cariche non aveva fatto breccia tra i magistrati. Il 29 marzo, quando Cosentino era in cella già da due settimane, il Tribunale Riesame di Napoli confermò in appello le decisioni dei giudici di Santa Maria Capua Vetere ritenendo che nonostante l’abbandono degli incarichi politici Cosentino potesse comunque condizionare gli amministratori locali e favorire i Casalesi, dunque reiterare il reato.

Nello stesso giorno però, arrivò un “primo punto” a favore dell’ex deputato, ovvero la sentenza numero 57 della Corte Costituzionale che ammetteva la possibilità che fossero concessi i domiciliari per gli imputati di reati con l’aggravante mafiosa; così il 22 giugno scorso, in seguito all’istanza presentata dagli avvocati di Cosentino, il giudice Orazio Rossi concesse i domiciliari all’ex deputato che però restò in carcere in virtù della prima ordinanza per il più grave reato di concorso esterno.

Intanto la partita giudiziaria è passata alla Cassazione, che il 27 giugno ha annullato con rinvio la decisione del Riesame di Napoli ritenendo sostanzialmente che i giudici partenopei non avessero motivato adeguatamente circa la sussistenza delle esigenze cautelari, che non avessero dunque tenuto conto della dismissione dalla cariche politiche. Parole molto dure allegate all’istanza presentata ad inizio luglio al presidente Guglielmo, e su cui quest’ultimo ha basato la propria decisione di revoca dell’ordinanza d’arresto.

Cosentino è uscito dal carcere, mantenendo il suo consueto profilo basso; nessuna polemica con la magistratura negli oltre 4 mesi di cella, mentre i suoi colleghi di partito, come Nitto Palma e il senatore casertano Enzo D’Anna, nei giorni in cui entrava in carcere, attaccavano i giudici considerando eccessivo la carcerazione; il 4 luglio scorso fu il prete anti-camorra don Luigi Merola a scagliarsi contro i magistrati affermando che “è immorale tenere Cosentino in carcere”. Si attendono ora le prossime mosse della difesa dell’ex deputato, che sta valutando se presentare istanza al giudice Rossi affinchè revochi la decisione di concedere i domiciliari o attendere che il Riesame, dopo le ferie estive, accolga le censure della Cassazione facendo cadere definitivamente entrambi le ordinanze.

Comments (3)

  • Avatar

    Antonio Bottiglieri

    1 Agosto 2013 - 08:20

    Non capisco quale notizia vuole essere questa della “villa con piscina” dove l’ex onorevole Cosentino sarebbe stato trasferito agli arresti domiciliari. Ma soprattutto non capisco la ragione per la quale essa viene riportata e … riportata da una “testata” progressista ! Non capisco perché dovremmo occuparci della scelta logistica di un detenuto ai domiciliari. C’e’ qualcuno tra noi che vorrebbe che anche i detenuti agli arresti domiciliari provassero le disumane condizioni nelle quali sono purtroppo costretti i detenuti che stanno, invece, nei vergognosi istituti di pena del nostro Paese ? Insomma, per favore, non incrementiamo logiche giustizialiste e rancori nei confronti di chi viene accusato (… in attesa di Giudizio). Antonio Bottiglieri

    Rispondi
  • Avatar

    Roberto

    1 Agosto 2013 - 12:56

    Magari gli facciamo portare anche le olgettine per allietare la permanenza ai domiciliari… Insomma per uscire dalla galera o per nemmeno entrarci pur contravvenendo alla legge che dovrebbe essere uguale per tutti, i soliti noti hanno trattamenti idonei al loro status. Forse il primo sito dove doveva andare il Cosentino non era all’altezza, c’era un letto di tavolaccio le sbarre alle finestre, era troppo duro e forse non confacente alle sue condizioni…. E scusasse don Cosentino…. e anche il suo sostenitore don Antonio… Salutate a don Raffaè

    Rispondi
  • Avatar

    alberto

    2 Agosto 2013 - 11:00

    Veramente non capisco il senso del titolodel pezzo nè alcuni passaggi dello stesso. non credo c’entrino molto con lo spirito di “resto al sud”

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top