Questo sito contribuisce alla audience di

La Sicilia sana che dice no al racket spaventa le mafie. Ecco la relazione della Dia

Shares

Da parte della criminalità organizzata sono stati ravvisati “Profili di rischio elevati” e “un innalzamento del livello di sfida attraverso ripetuti atti intimidatori nei confronti di esponenti della magistratura siciliana e delle istituzioni locali, nonché di rappresentanti di organizzazioni pubbliche e private impegnati, a vario titolo, nella lotta antimafia”.

Lo ha sottolineato la Direzione investigativa antimafia nella sua relazione al Parlamento, dalla quale emerge anche “una crescente insofferenza – si legge – nei riguardi dell’impegno legalitario di cui sono protagonisti settori della società civile e segnatamente la locale Confindustria“. Un allarme che riguarda in particolare la provincia di Caltanissetta dove è impegnato in prima linea il presidente di Confindustria Sicilia con delega nazionale per la Legalità, Antonello Montante, che da tempo ha avviato numerose iniziative e protocolli di legalità a tutela delle imprese antiracket.

La relazione della Dia rivela anche un cambiamento di strategia da parte di Cosa Nostra rispetto a quella di “inabissamento finora adottata” che impone particolare attenzione – scrive ancora la Dia – per anticipare “eventuali cambi di postura da parte di sodalizi mafiosi“. Segno anche che le iniziative intraprese tra istituzioni e associazionismo antiracket stanno “stimolando un circuito virtuoso di interventi” nello sradicamento della mentalità mafiosa.

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top