Palmina, bruciata viva a 14 anni. E senza un colpevole

Shares
Targa Palmina Martinelli

Palmina Martinelli a 14 anni fu data alle fiamme perché si rifiutava di prostituirsi. E prima di morire la ragazza era riuscita a fare i nomi dei suoi aguzzini, ma il caso venne chiuso come suicidio. I fatti risalgono all’11 novembre del 1981, quando a Fasano (Brindisi), nella sua abitazione, venne ritrovata in fin di vita Palmina Martinelli.

Gli investigatori puntarono immediatamente i loro sospetti su quattro giovani di Locorotondo, uno di 23 anni, due di 22 e l’ ultimo di 18.

Secondo l’accusa i quattro avrebbero dato fuoco a Palmina Martinelli perché non voleva prostituirsi.

La ragazzina morì in ospedale a dicembre. Le prove portate dall’accusa a sostengo delle tesi di colpevolezza non ressero, però, né in primo né in secondo grado.

Alla fine i quattro furono assolti anche dalla Corte di Cassazione.

Non bisogna ritenere chiusa la storia, occorre verità su questa vicenda.

Foto: gofasano.it

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top