#Terremoto del #Belice. Le celebrazioni del 48° anno e le parole del coordinatore dei sindaci

Shares

Sono passati quarantotto anni dal terremoto del Belice. Uno di quegli eventi disastrosi della natura, che sono rimasti incisi nella storia recente del nostro paese.

Come il terremoto del Friuli, quello dell’Irpinia, quello dell’Aquila.

Esso uccise 231 persone, ma c’è chi stima di più. Sicuramente avrebbe fatto molte più vittime se non si fossero avute cinque forti scosse. All’ultima, la più distruttiva, del 15 gennaio del 1968, gli abitanti di Gibellina, Montevago, Menfi, Partanna, Salaparuta, Santa Margherita del Belice, Santa Ninfa, Poggioreale, Salemi, erano tutti in all’aperto.

Il sisma fu così violento che in alcuni paesi rimasero in piedi solo alcuni muri di case.

Dopo quasi mezzo secolo si è proceduto a manifestazioni per ricordare le vittime. Esse si sono svolte nei vari paesi.

Ed in tale circostanza è intervenuto il coordinatore dei sindaci del Belice, Niccolò Catania, primo cittadino di Partanna.

“Anche questo 48° anniversario del sisma del Belice, viene celebrato in un clima di forte e vibrata protesta generale, nonostante piccoli passi avanti si registrano dal punto di vista finanziario, che riguardano sblocchi e procedure degli anni precedenti.”

Catania nel suo intervento tiene a precisare la lunghezza della ricostruzione del Belice e che essa “è ancora un capitolo aperto, mancando 150 milioni di euro per opere pubbliche e 230 per l’edilizia privata.”

Lucrezia Cicchese

Credo che ogni individuo abbia il privilegio di scegliere il modo in cui manifestare il suo più alto potenziale. L'ho fatto tornando nella mia terra d'origine: il Molise. A 19 anni, ho lasciato il Piemonte per trasferirmi a Campobasso e studiare Scienze della Comunicazione. Contemporaneamente ho iniziato a lavorare per varie redazioni locali fino a realizzare, nel 2008, un quotidiano online nazionale "italianotizie.it". Sempre alla ricerca di nuovi stimoli, ho deciso di specializzarmi nella progettazione europea. Sono parte del gruppo di europegarage.it un portale sui finanziamenti europei.

One comment

  • Avatar

    gbravin

    17 Gennaio 2016 - 09:18

    I terremoti avvenuti in Friuli VG, Sicilia, Irpinia etc. avvenuti prima dalla creazione della Protezione civile, vanno distinti in due classi di appartenenza. Il Friuli VG era la prima regione in assoluto per servitù militare. All’epoca, solo i militari disponevano di veicoli 4X4, cucine ed ospedali da campo etc. già dislocati sul territorio regionale e per un rapido intervento. Ma di questo fatto “ci si dimentica” ad ogni commemorazione friulana, ricordando esclusivamente il volontariato.
    Dopo la creazione della Protezione Civile, le scusanti avrebbero dovuto cessare, ma esse continuano per scopi esclusivamente politici. Tra questi come dimenticare che le nuove case edificate SETTE anni fa, all’Aquila, hanno già balconi pericolanti?

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top