“Vietato ridere del Comune”. Ecco la regola assurda del carnevale di Sciacca

Shares

Niente satira sul Comune”. Questa la scelta assurda, tramutata addirittura in norma, a Sciacca, in provincia di Agrigento.

Nonostante il carnevale sia una festa basata sull’ilarità, gli scherzi innocenti e il divertimento, quest’anno nel bando dell’organizzazione dell’evento è stato vietatofare satira nei confronti del Comune”.

Queste le testuali parole inserite nell’articolo 21 del bando del carnevale che è stato reso pubblico alcuni giorni fa: “E’ fatto assoluto divieto di esporre o pronunciare, nel corso della manifestazione, frasi di dissenso, plateali forme di protesta e ogni altra forma di espressione ed esternazione lesiva dell’immagine della kermesse, degli operatori, degli Enti Organizzatori e Patrocinanti e non conforme alla spirito festoso del Carnevale di Sciacca“.

Un decisione che ha lasciato a dir poco sconcertati i vari gruppi che stanno per mettersi al lavoro per organizzare i carri allegorici da mostrare alla manifestazione, visto che chi trasgredirà la norma sarà costretto a pagare una multa di ben 3.500 euro. Intanto i veri protagonisti ( i realizzatori dei carri) sono già all’opera per giungere puntuali all’evento che si terrà tra febbraio e marzo 2014 e che rappresenta uno tra i più caratteristici del nostro stivale.

One comment

  • Avatar

    luca

    23 Novembre 2013 - 14:54

    sono praticamente privo di parole…evidentemente le hanno usate tutte nella stesura delle regole…

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top