Questo sito contribuisce
alla audience di

34enne di Bari lascia il lavoro di agente di commercio per darsi all’orto sociale

Shares
orto sociale

Il suo nome è Angelo Santoro, ha 34 anni, e nel 2014 ha deciso di cambiare vita, abbandonando il proprio mestiere di agente di commercio per darsi all’agricoltura sociale.

La sua storia è raccontata su Repubblica, edizione di Bari.

Facevo l’agente di commercio per una grossa azienda che produce arredamento – ha raccontato l’uomo – percorrevo 80mila chilometri l’anno, avevo uno stipendio cospicuo, ma non ero felice. Così ho deciso di seguire seguire il mio cuore e ho realizzato un orto sociale“.

Quest’orto è stato realizzato nel quartiere Japigia, periferia di Bari, dove l’agricoltura è utilizzata per raggiungere l’obiettivo dell’inclusione sociale lavorativa.

Non mi importa di essere ricco, so che un giorno tutto il mio lavoro porterà i suoi frutti – ha affermato Angelo – Ma aiutare ragazzi inviati dai tribunali minorili e persone con handicap di vario tipo mi rende felice“.

Ecco il video:

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top