Chi ha paura della verità sulla storia del Sud

Shares
nord-sud

Leggo sul “Mattino” che il Sud non era indietro del 20-25 per cento, rispetto al Nord, al momento dell’Unità.

Chi lo dice? Emanuele Felice, ricercatore alla libera università di Barcellona; lo stesso aveva “dimostrato” il contrario nel suo libro “Perché il Sud è rimasto indietro”.

E che ora dà sostanzialmente regione ai suoi colleghi, Paolo Malanima e Vittorio Daniele, i cui dati prima aspramente contestava e che, nel loro libro, avevano parlato di una differenza assai contenuta (fino al 10 per cento), nel reddito pro capite tra Nord e Sud alla data dell’Unità.

Può succedere. L’errore (quando non è intenzionale; e a tutti, fino a prova contraria, bisogna far credito di buona fede) è un rischio che corre solo chi fa qualcosa; riconoscerlo qualifica, e bene, chi lo fa. Ma Felice uno ne aggiusta e due ne aggiunge almeno due: • la colpa, diciamo così, dell’ottimo studio di Malanima e Daniele, non starebbe tanto nei dati e nelle tesi, quanto nell’uso che ne hanno fatto i “filoborbonici” (gentaglia, par di capire).

Posso fornire a Felice un altro dato, terribile, a rinforzo della sua accusa: un tale (di certo un filoborbonico) ha scagliato contro un vicino di casa una copia del libro di Malanima e Daniele, “Il divario Nord-Sud in Italia dal 1861 al 2011”, e gli ha cavato un occhio.

Ma Felice ce l’ha proprio con me, ritenendomi “filoborbonico” (non ci sarebbe nulla di male; sta di fatto che non lo sono. Mi si spezza il cuore dover deludere lui e i semplificatori che tentano di evitare gli argomenti, pensando di squalificare, così, chi li propone). Ragionassi allo stesso modo, dovrei replicare che lui è “criptoleghista” e “nordista di complemento” (la funzione di supporto offerta da truppe cammellate indigene a quelle coloniali); e la prova è nell’uso fatto, del suo libro, da quanti non aspettavano altro per ripetere il mantra con cui campano da un secolo e mezzo: “Tutta colpa del Sud”.

Ma polemizzare così, pure lui può vederlo, offre solo una soddisfazioncella momentanea, acuisce inutilmente i contrasti e lascia le cose come prima, anzi peggio. Se è d’accordo, potremmo evitarlo; • le stragi risorgimentali “due furono”: Pontelandolfo e Casalduni.

Ma come si fa a dire una cosa del genere? E Campolattaro? E Auletta? E Bronte? (Risparmio l’elenco, noto quasi a tutti, meno a chi insegna all’università, pare). E “fucilati 300 briganti e non briganti” del dispaccio del colonnello Fumel? E l’elenco delle migliaia di fucilati, di paesi distrutti e centinaia di case bruciate, orgogliosamente stilato dal generale Cialdini?

Davvero, professor Felice, lei, abruzzese, non sa cosa fece il generale Pinelli in Abruzzo? Non sa che dovettero rimuoverlo per le proteste internazionali giunte a Torino, per la sua ferocia, e che prima di mandarlo via lo premiarono con medaglia d’oro? Lei crede che chi racconta queste cose voglia farlo per istigare all’odio fra Nord e Sud? Per questo, bastano gli insulti e le leggi della Lega a danno del Sud e la sudditanza dei tanti non dichiaratamente leghisti che consentono, per interesse personale.

Io sono convinto che dirsi le cose, anche le peggiori, non divida, ma unisca, perché ci libera (tutti, Felice, tutti: il Nord e il Sud, lei ed io…) dalle verità taciute, dai rancori sepolti: dalle “parole non dette”. È il peggio che possa capitare nella vita di ognuno di noi e anche di un Paese che si rifiuta di guardare al lato oscuro della sua storia, come chi non guarisce dal suo problema psicologico, per paura di dargli un nome.

Tacere, nascondere (“Un Paese senza verità”: Leonardo Sciascia, ricorda?) è il male d’Italia. Glielo dico diversamente, con una delle più belle lezioni del più giovane premio Nobel della storia della letteratura, Josip Brodskji: “Le parole non dette escono in nevrosi”.

Pino Aprile

È stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente, ha lavorato in televisione con Sergio Zavoli nell'inchiesta a puntate Viaggio nel sud e a Tv7, settimanale di approfondimento del TG1. È autore di libri tradotti in più lingue come Elogio dell'errore, Elogio dell'imbecille e Terroni. Conclusa l'esperienza di direttore di Gente si è occupato principalmente di vela e altri sport nautici, dirigendo il mensile Fare vela e scrivendo alcuni libri sul tema, come Il mare minore, A mari estremi e Mare, uomini, passioni. Nel marzo 2010 ha pubblicato il libro Terroni, un saggio giornalistico che descrive gli eventi che hanno penalizzato economicamente il meridione, dal Risorgimento ai giorni nostri. L'opera è divenuta un bestseller, con 250.000 copie vendute[1]. Per questo libro, il 29 maggio 2010, gli sono stati conferiti, fra gli altri, a Palermo il Premio Augustale, a Reggio Calabria il Rhegium Julii, ad Aliano il Premio Carlo Levi, ad Avezzano il Premio Marsica. Dal libro nasce lo spettacolo teatrale omonimo con l'attore Roberto D'Alessandro e musiche di Mimmo Cavallo. Per iniziativa di Marcello Corvino, della Promomusic, dagli ultimi tre libri di Aprile e dalle canzoni brigantesche e meridionaliste di Eugenio Bennato, è tratto il lavoro teatrale Profondo Sud, con cui i due autori hanno esordito l'estate del 2012. Nell'agosto 2011 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria di San Bartolomeo in Galdo; il 19 gennaio 2012, quella di Ponte, in provincia di Benevento, e il 1º febbraio 2012 quella di Laterza, in Provincia di Taranto e il 27 dicembre 2012 quella di Caccuri in provincia di Crotone. L'11 novembre 2011, a New York (Manhattan), in coincidenza con la presentazione dell'edizione americana di Terroni, ha ricevuto il premio "Uomo ILICA 2011" (Italian Language Inter-Cultural Alliance) e il 10 agosto 2012 si è aggiudicato il primo premio della prima edizione del Premio Letterario Caccuri dedicato alla saggistica.

One comment

  • Avatar

    luca

    27 Settembre 2014 - 18:24

    Mi sembra che anche il deputato Pica fosse abruzzese, a volte noi meridionali siamo fantastici a darci la zappa sui piedi, al nord come dice Aprile hanno trovato il loro nemico nel sud e come sono compatti in questo, noi meridionali invece abbiamo i Felice, i Pica, i Caruso, i D’alema etc, ma va ricordato che come dice bene Aprile fu proprio un paese dell’ Abruzzo ad arrendersi per ultimo nei confronti dell’ invasione piemontese, segno che l’ Abruzzo all’ epoca come tutto il sud godeva di prosperità da vendere o da rapinare come poi in effetti è accaduto; ma si sa mors tua vita mea, Caruso insegna ma è bene che la storia sia ogni tanto ripetuta per bene e commentata, anche e soprattutto da noi meridionali..GRAZIE PINO.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top