Esclusiva (satirica): l’ultimo messaggio di B.

Shares
Forza Italia

Cari amici e care amiche (maggiorenni, ma anche e soprattutto minorenni) della Libertà,

l’Italia è sempre il Paese che amo, ovvio. In questi vent’anni insieme ho fatto così tanto che ora è arrivato il momento di guardare indietro: noi faremo rinascere Forza Italia. Con essa tornerà l’ormai celebre “spirito del 1994“, quando, per evitare di essere travolto dai miei problemi personali, scesi direttamente in campo e decisi di fare la cosa più semplice: farmi le leggi su misura per non finire in galera. Certo non ci sarei mai riuscito senza la sinistra, che ringrazio di cuore, come sempre: grazieMassimo, grazie Luciano, grazie Walter.

Ma soprattutto, dicevo, tornerà la Forza Italia che negli anni ’90 convinse persino i boss della mafia ad abbandonare il progetto politico-criminale “Sicilia Libera e li spinse a guardare con interesse al nostro movimento, tanto che ancora oggi un filo sottile ci continua a legare: il 416 bis.

Tornerà, dicevo, anche Marcello Dell’Utri, padre nobile del nostro movimento e portatore sano di condanne per mafia e di indagini in ogni ambito dello scibile umano.

E, dicevo, tornerò io, che con Cosa Nostra ho sempre avuto un rapporto di pacifica convivenza, tanto da pagare i boss della mafia pur di stare tranquillo (“la non gratuità dell’accordo protettivo in cambio del quale sono state versate cospicue somme da parte di Berlusconi in favore della mafia”, sentenza della Corte di Cassazione processo Dell’Utri). Il pentito Giovanni Brusca dice che io versavo a Stefano Bontade 600 milioni di lire ogni anno. Si sarà dimenticato qualche zero il ragazzo, che prima o poi si farà, anche se ha le spalle strette.

Per questo, amici e amiche (e portate pure le amiche delle vostre amiche) vi chiedo di rimanere pronti. Serve, anzi, urge un ritorno al passato, soprattutto per dimenticare le mie condanne e il mio prossimo esilio dalla politica. I magistrati, a tal proposito, dovrebbero stare molto attenti: mi pare che proprio da un bum-bum nacque Forza Italia, o lo hanno già dimenticato?

Coraggio, torniamo indietro! Forza Italia!

Benny Calasanzio Borsellino

Sono un giornalista non iscritto all'albo, blogger e scrittore. Collaboro con Il Fatto Quotidiano e con i siti web Ilfattoquotidiano.it, Cadoinpiedi, Micromega e 19luglio1992. Mi occupo prevalentemente di criminalità organizzata. Mio nonno e mio zio, Giuseppe e Paolo Borsellino (omonimo del giudice), imprenditori, nel 1992 sono stati uccisi da cosa nostra: la mia battaglia quotidiana è per la loro memoria. Per Editori Riuniti ho scritto "Sotto Processo" nel 2010 e "Mafia Spa" nel 2011. Per Aliberti ho pubblicato "Fino all'ultimo giorno della mia vita", scritto a quattro mani con Salvatore Borsellino e "Capitano Ultimo. Il vero volto dell'uomo che arrestò Totò Riina".

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Change privacy settings