Il mio viaggio nel tempo nel #RioneSanità

Shares

Di recente sono stato a Napoli. E ho visto una cosa incredibile.

Stefano Fusco e Lello D’ambrosio mi hanno proposto un viaggio nel tempo nel rione Sanità. Sotto lo storico palazzo Peschici Maresca in via Arena alla Sanità, è stato rinvenuto un tratto dell’acquedotto campano del Serino che in epoca romana riforniva l’attuale città di Napoli.

Immaginate di scendere nelle cantine del vostro palazzo e di essere trasportati a 2000 anni fa. Poco distante da lì, ci sono gli ipogei ellenistici. E poi vicino c’è il cimitero delle Fontanelle e poco più su ci sono le catacombe di San Gennaro. Luoghi mistici, luoghi di passaggio, luoghi in cui il sopra e il sotto si incontrano e si confondono. Per non parlare delle chiese e dei palazzi meravigliosi del rione.

Io non so chi si candiderà sindaco e non mi interessa il totonomi, so invece che è stato un delitto tagliare fuori la Sanità dal programma Unesco, e so che è un delitto non mettere a sistema e sfruttare al meglio le potenzialità di questo incredibile attrattore culturale.

Facciamo che nei prossimi mesi parliamo solo di questi argomenti e delle soluzioni necessarie? Ci conto?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Francesco Nicodemo

Francesco Nicodemo, classe '78, laureato in lettere classiche. Mi occupo di innovazione e di comunicazione, e curo le relazioni istituzionali di un'azienda di software open source. Le mie passioni: la politica, la Roma, i Radiohead. Sono padre di Emanuele, e tutto il resto è noia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top