Questo sito contribuisce alla audience di

La bellezza ci salverà. Andiamo insieme a cercarla

Shares

“Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”

Peppino Impastato

La fotografia ha molteplici facce. Ed è bene conoscerle tutte e saperle “leggere” perchè, è bene saperlo, l’unica alternativa al “leggere la fotografia” è essere da lei “scritti”… È Fotografia un paesaggio del New Mexico di Ansel Adams, il miliziano morente di Robert Capa, le prostitute di Alicante di Henri Cartier-Bresson. Sono icone che hanno scritto la storia di questa forma d’arte ed una semplice ricerca su google può fornire centinaia di pagine che raccontano ogni particolare e aneddoto.

Ma è fotografia anche la propria colazione condivisa su Instagram, l’ennesimo tramonto con cielo “infuocato” pubblicato su Facebook, oppure le migliaia di foto “glamour” della bella di turno, o ancora il servizio del “prediciottesimo”, ultima moda di opinabile gusto…

Trenta o quaranta anni fa la fotografia viaggiava su pochi mezzi. C’erano riviste specializzate a livello mondiale come Life o il National Geographic Magazine. La qualità era altissima ma concentrata nelle mani di pochi editori. Potevi definirti “fotografo” se eri in grado di scattare una foto nitida e correttamente esposta. Si scattavano poche immagini, i professionisti del settore non erano tanti e quelli che oltre alla forma sapevano metterci un contenuto in qualche modo facevano strada…

E se quaranta anni fa un bambino o adolescente voleva vedere l’Everest doveva aprire l’enciclopedia per poterlo ammirare ritratto sempre dalla stessa posizione e rigorosamente in bianco e nero.

Quanto fantasticare attorno a quel triangolo di roccia!

Oggi è cambiato tutto. Fare le foto nitide e correttamente esposte non è più il mestiere del fotografo ma del firmware della fotocamera. L’Everest possiamo vederlo a 360 gradi girandoci attorno con Google Earth.

Se prima per vedere una foto dovevamo acquistare e sfogliare un giornale oggi basta accendere il PC e la bacheca del nostro social network preferito si presenterà a noi come un fiume di immagini che in qualche modo intendono “toccarci”. Un fiume in cui la bellezza assoluta si mescola con il trash più imbarazzante.

Mi sembra che Peppino Impastato abba anticipato quaranta anni fa un tema che oggi è di estrema attualità…

Dove è finita la bellezza? Siamo ancora in grado di riconoscerla, di comprenderla, di proteggerla, di promuoverla? Oppure siamo talmente anestetizzati da 30 anni di televisione commerciale da aver perso ogni capacità di discernimento?

Con voi vorrei cominciare un viaggio alla ricerca della bellezza… Un viaggio di cui non conosco ancora la lunghezza e la destinazione ma che sono certo valga la pena di essere compiuto, affinchè “in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”.

Stefano Lista

È nato nel 1974, ha studiato, si è laureato in Economia. Ha fatto lavori attinenti ai suoi studi. Ma la fotografia lo ha sedotto e lo ha rapito. E così la passione ventennale ha preso il sopravvento e con una moglie e due figli “a carico” ha deciso di lasciare tutto e di fare quello che voleva davvero fare: il fotografo. Stefano ama definirsi un “cacciatore di senso” ed è convinto che il ruolo del fotografo oggi debba quanto mai essere quello di “testimone” del mondo che attraversa. È altresì convinto che la “bellezza”, la cui ricerca in posti impensabili costituisce gran parte del lavoro di fotografo, possa davvero salvare il mondo come affermava il principe Miškin nell'Idiota di Dostoevskij. Stefano negli ultimi anni ha radunato attorno alla propria passione centinaia di allievi dei suoi corsi di fotografia con i quali organizza mostre, eventi culturali, momenti formativi.

One comment

  • Avatar

    Insane Soul aka Hank Bukowski aka Il Peggiore

    3 Giugno 2013 - 19:28

    Già solo la citazione del caro Peppino mi ripaga della curiosità con la quale ho aperto il link.
    Poi leggo le parole e trovo tanti punti in comune, quei punti in comune che ci portano ad amare, se pur in modo differente, questo mezzo comunicativo chiamato fotografia.
    Le tue parole sono azzeccate e arrivano a segno.
    Ti seguirò, mio caro, in questo nuovo viaggio comunicativo.
    Buon viaggio e buona luce.
    Hank aka il Peggiore

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top