L’innovazione crea occupazione, ma occorre un nuovo raccordo tra formazione e lavoro

Shares
formazione

C’è una forte domanda di competenze nel mondo del lavoro e delle imprese.

Una domanda che interpella i giovani così come gli adulti. L’innovazione tecnologica, pervasiva e di fatto irreversibile, non si è limitata infatti a sostituire il lavoro umano con le macchine, ma richiede un nuovo e formidabile impegno di risorse umane: servono nuove professionalità e quindi un nuova formazione.

In costante aggiornamento e coordinamento.

A questa domanda stringente di competenze risponde un nuovo raccordo tra formazione e lavoro. Un raccordo che non teme limiti di età e che non si ferma con la fine del periodo di studio.

Non siamo più nel tempo degli studenti da una parte, e dei lavoratori dall’altra. Per questo occorre puntare dritto sull’alternanza scuola-lavoro, sull’apprendistato, sulla formazione permanente.

Siamo nell’epoca dell’uomo necessariamente “affamato e folle”, a dirla con Steve Jobs, un uomo consapevole che solo trovando strade nuove si potrà continuare a crescere.

Il tempo della vita scandita perfettamente tra studio, lavoro e pensione è finito. Non è mai tardi per riconoscerlo e per prendere le dovute misure.

Ivan Lo Bello

Vice Presidente nazionale di Confindustria

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top