Questo sito contribuisce
alla audience di

Muzing, la “Tinder dei musei” in Italia parte da Napoli

Shares

Una rete culturale per le persone che amano i musei. E che poi, potrebbero finire per amarsi tra loro. L’hanno già ribattezzata la “Tinder dei musei”: è Muzing, l’app che permette di connettersi a tutti coloro che si trovano nelle vicinanze e sono interessati alle stesse mostre e agli eventi che accadono negli spazi culturali.

Il museo Madre di Napoli

Al momento, la app è diffusa solo in Francia, a Londra e a New York ma è pronta a sbarcare anche in Italia: sarà il museo d’arte contemporanea Madre di Napoli la prima istituzione italiana a essere coinvolta da Muzing. “Abbiamo iniziato la nostra avventura italiana con il Madre, una realtà consolidata, riconosciuta a livello internazionale, sia sul piano artistico che su quello della partecipazione e della comunicazione digitale”, ha spiegato Timothy Heckscher. L’obiettivo, per il team che lavora a Muzing, è proprio quello di far vivere il museo come un luogo di condivisione, promuovendo le attività e le mostre in corso e coinvolgendo un pubblico sempre più ampio.

Il team

Perché la tecnologia può aiutare anche a trovare qualcuno con cui recarsi al museo. “Merito” del team dell’azienda francese Culturaliv, che ha inteso il museo come un luogo adatto (anche) per trovare nuovi amici e magari un nuovo partner. A mettere a punto l’idea – e presentare l’app, lo scorso 23 settembre – sono stati lo statunitense Timothy Heckscher e i suoi colleghi francesi Aurélie Hayot e Fabien Brossier.

Come funziona

La modalità di utilizzo è molto simile a quella di Tinder: si scarica la app (già disponibile sugli store), si inseriscono alcuni dati e si cercano profili di altri utenti in linea con i propri interessi. L’obiettivo è semplice: andare al museo assieme. Quando ci si registra, si inseriscono alcuni dati personali obbligatori (come per altri social e app il nome, la data di nascita e una fotografia) e si comunicano al sistema le proprie intenzioni. Oltre a una breve descrizione personale, vanno infatti inserite le preferenze in fatto di uomini o donne, in quale fascia d’età, e se al museo si vuole andare per fare amicizia, oppure per trovare la futura anima gemella.

I profili

Solo a quel punto arrivano le domande più specifiche: il sistema chiede ad esempio anche il “ritmo” della visita al museo, ovvero se soffermarsi su ogni singola opera o seguire il passo e la volontà della persona con cui ci si incontra al museo. Poi, il passaggio decisivo: come avviene su Tinder, Muzing comincia a far vedere profili di persone che potrebbero incontrare i gusti di chi sta scegliendo il proprio “partner culturale”, si scorrono i profili e poi si può cominciare a chattare con chi ricambia l’interesse.

Mary Buccieri

36 anni, giornalista pubblicista, innamorata del Sud e delle sue mille sfaccettature. Legata alle tradizioni ama anche tuffarsi nel mondo delle innovazioni. Promuove il territorio attraverso l’organizzazione di eventi. Promuove progetti di formazione nel settore automotive e iniziative nel Terzo Settore. Citazione preferita: “L’istruzione e la formazione, le armi più potenti per cambiare il mondo”. Nelson Mandela, premio Nobel per la pace.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top