Questo sito contribuisce alla audience di

Nessuno attacchi il #Papa che difende i #migranti

Shares

Non è obbligatorio essere cristiani. Così come non è obbligatorio essere conservatori, progressisti, comunisti, liberali, islamici, fascisti, buddisti e via discorrendo. Forse non è obbligatorio nemmeno essere coerenti: però è molto importante, per la nostra credibilità e, in definitiva, per la nostra vita. Chi predica un’idea non può continuamente rinnegarla con le proprie azioni e le proprie frasi.

Se Papa Francesco dice di pregare per il perdono di chi non accoglie i migranti non fa altro che ricordare un chiaro precetto del Vangelo (“ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l’avete fatto a me”, ovvero ospitato, accolto, vestito, sfamato, dissetato…).

Perché essere cristiani è seguire la parola di Cristo, non quella di Andreotti o di Maometto. Perché essere cristiani non è essere iscritti a CL, ai boy scout, all’Opus Dei o al Terzo ordine francescano. Non è abbandonarsi a veggenti, guaritori e ipotetici miracoli che poi spesso sono sicuri affari.

È invece cercare di credere e agire secondo gli insegnamenti del fondatore di questa religione. Di fronte alla tragedia epocale di masse di migranti che in tutto il mondo sono in preda alla disperazione e vanno altrove, così determinati da apparire quasi suicidi nella fuga, molti sono preda di istintivi sentimenti egoisti.

Invece di capire che un mondo del genere non funziona e porterà sempre squilibri e disastri maggiori, si preoccupa di altro: polemica politica, tutela dell’ordine pubblico, presunta salvaguardia del proprio portafoglio.

Comprensibilmente, entro certi limiti che non sconfinino nella disumanità. Però il loro non può dirsi un atteggiamento cristiano. Perché quella religione insegna altro. Per troppo tempo la Chiesa struttura è stata altro: scandali, corruzione, banche, privilegi.

Tanto da oscurare meriti di altre sue opere davvero utili e umanitarie. Ora queste parole evangelicamente logiche del Papa, fanno scalpore. Perché non eravamo più abituati a credere negli uomini di Chiesa e perché troppi sedicenti cristiani sono nell’animo altro. Io, dopo tante amarezze, non so più se sentirmi parte di una religione, intesa come organizzazione. So che mi piace interrogarmi e rispondere a domande con altre domande. Senza limiti.

Però trovo triste che il cristianesimo sia così mal ridotto che i suoi seguaci apprezzino le parole del Papa meno dei non seguaci. Poi so bene che la questione dei migranti deve trovare risposte politiche e organizzative concrete, non solo ideali. Essere velleitari e falsamente solidali non serve che a peggiorare le cose.

I cristiani comunque siano consapevoli di che cosa dice il cristianesimo, e se non sono d’accordo si dissocino dal proprio libro e non attacchino il Papa quando fa davvero il vicario di Cristo. Una cosa però appare certa. Se assistiamo a questi esodi epocali nel Mediterraneo, in Centro America, in Europa orientale, in Asia vuol dire che questo mondo non funziona. O meglio funziona benissimo per troppo pochi.

Ettore Picardi

Ettore Picardi è nato a Napoli nel 1963 e vive a San Benedetto del Tronto. Laureato in giurisprudenza, ha lavorato come pubblico ministero ad Ascoli Piceno dal 1991 al 2013. Dal febbraio 2013 è Sostituto procuratore Generale presso la Corte di Appello di L’Aquila. Sin da giovane ama e si dedica alla scrittura ed alla poesia. Nel 2009 ha pubblicato “Da una casa che non so dov’è”, sua prima raccolta di testi poetici. “Le predilezioni del pomeriggio” (2012) è la sua seconda opera.

Comments (16)

  • Avatar

    sara

    20 Giugno 2015 - 12:39

    Non è la prima volta che i laici si mostrano più “evangelici” dei credenti… Come giustamente scrive l’autore ” la questione dei migranti deve trovare risposte politiche e organizzative concrete, non solo ideali”. Il Papa (o chi se occupa in Vaticano) potrebbe fare/proporre qualcosa in più (che barberia e docce, comunque utili), quanto meno a Roma, dove le organizzazioni religiose sono proprietarie di un gran numero di strutture recettive

    Rispondi
  • Avatar

    ignazio

    20 Giugno 2015 - 13:05

    niente da eccepire sul cotenuto, ma sarei un pò più ottimista sul cristianesimo dei cristiani: due esempi del sud. Chi ha portato alla luce i problemi dell inquinamento nel casertano un parroco e i suoi fedeli. Qui dove vivo a Foggia mense per gli immigrati quattro, tutte di iniziativa cristian a. Certo, tanti cattolici non sono cristiani, come tanti comunisti sono ricchi sfondati e così via. Ma questo fa parte dell umana ipocrisia e delle leggi statistiche!

    Rispondi
  • Avatar

    kesare

    20 Giugno 2015 - 13:44

    Buongiorno Sig. Picardi, è vero, questo mondo non funziona e, negli ultimi anni, è peggiorato moltissimo. Io ho quasi 60 anni e ho vissuto l’ evoluzione dal 68 a oggi. Da allora molte cose sono cambiate e molti diritti sono stati acquisiti. Il problema è che i diritti sono toccati anche a chi non se li meritava e di doveri se ne parla molto poco. La conseguenza è che le persone oneste pagano per tutti. Papa Francesco, che ammiro moltissimo, doveva completare meglio il discorso richiamando proprio quelle persone che hanno il DOVERE di aiutare, agevolare e risolvere quest’annoso problema
    per i migranti e per tutte quelle persone di buona volontà che soffrono per queste persone

    Rispondi
  • Avatar

    franco piras

    20 Giugno 2015 - 14:22

    tutte le religioni monoteiste si basano sull’annientamento delle idee altrui, sulla sopraffazione, sull’ignoranza, sulla violenza. In fondo anche Gesù ha detto: “Non credete che io sia venuto qui per la pace. Io son venuto con la spada…” (Vangelo di Marco)

    Rispondi
    • Avatar

      Paola

      21 Giugno 2015 - 14:26

      ma che vangelo ha letto? ah!ah!ah!ah! per carità Gesù perdonalo lo legge a pezzetti

      Rispondi
  • Avatar

    juri gagà

    20 Giugno 2015 - 18:27

    Preferirei che dicesse qualche parola a favore degli Italiani .Porxa vaxca…

    Rispondi
    • Avatar

      Paola

      21 Giugno 2015 - 14:28

      be certo il Papa parla a favore di qualcuno!!! che gentee

      Rispondi
  • Avatar

    dsvgdsvg

    20 Giugno 2015 - 19:08

    Hai ragione! Veramente! Domani scrivi al Papa e digli che in piazza San Pietro ci stanno almeno 10000 migranti

    Rispondi
  • Avatar

    emanuele

    20 Giugno 2015 - 22:10

    è tutto giusto ma ferma un attimo….sia papa francesco e sia il vaticano sanno benissimo che ci sono miglioni di italiani che muoiono di fame e sanno benissimo che tutti i soldi che ha il vaticano potrebbe salvare l intera africa…Gesu ha detto cio che fate a loro lo fate a me..io sono un essere umano come tanti altri eppure la chiesa mi ha sempre voltato le spalle..sono un assiduo credente ma nella chiesa non credo più..quindi taci ignorante

    Rispondi
  • Avatar

    Emanuele

    21 Giugno 2015 - 08:36

    gent.sig.Picardi,il problema è chi ha creato tutto questo casino in Africa e in Asia non siamo stati noi
    cristiani ma qualcun altro,pertanto aiutasse prima questo signore perché noi come ci hanno ridotto qui in Italia abbiamo solo gli occhi per piangere.

    Rispondi
  • Avatar

    gbravin

    21 Giugno 2015 - 09:54

    Sig. Picardi, giustissimo: “Nessuno è obbligato….” Però in Italia, siamo OBBLIGATI ai Patti Lateranensi del 1929 (Sottoscitti da Mussolini dopo pochi mesi di governo) e successive modifiche e integrazioni. Solo in Italia, la Chiesa è esente da molte tasse oppure le paga in misura ridotta. Quindi si usano soldi pubblici ITALIANI e non fondi dello IOR….

    Rispondi
  • Avatar

    Daniele

    21 Giugno 2015 - 12:55

    I migranti razzisti non vanno difesi. Si devono rimboccare le maniche e creare nella loro terra quello che gli altri anno creato nella loro. Evidentemente si può fare. LO FACCIANO, invece di andare a sottomettere e schiavizzare le altre popolazioni. Poverini hanno un sogno! SVEGLIAAAAA non si sogna si lavora!

    Rispondi
  • Avatar

    Paola

    21 Giugno 2015 - 14:40

    Mi fanno ridere certi commenti, qui si definiscono tutti cristiani e stiamo parlando del Papa che ha detto una cosa ovvia, qualcuno addirittura sarebbe cristiano ma non crede alla Chiesa, un altro scrive che il casino in Africa non è stato creato “da noi cristiani”…e poi bla bla bla, si capisce vero perchè in Italia siamo messi così male….invece di commentare a vanvera andate a confessarvi che siete cristiani…e poi leggetevi il Vangelo…sepolcri imbiancati!!!!!

    Rispondi
    • Avatar

      gbravin

      22 Giugno 2015 - 09:14

      Io sono catalogato come cristiano, perché battezzato e cresimato. Questi sacramenti mi furono dati quando ero minorenne! Oggi, convivente etero, non sono “benvisto” dalla Chiesa e dallo stato italiano. La mia compagna, divorziata, non può comunicarsi. Se apre gli occhi, accantona certi dogmi, FORSE vedrà altre realtà…

      Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top