Un film sulla parte di #Napoli drammatica cercando anche in essa valori positivi

Shares

“Prima cosa buongiorno”. È questo uno dei paradigmi della cultura del Sud ed è il titolo dell’ultimo lavoro del regista Pierfrancesco Li Donni.

Un film documentario che è un viaggio nel ventre di Napoli, girato pochi mesi prima del Giubileo ed andato in onda in anteprima su TV 2000.

Li Donni è l’autore di “Loro di Napoli“, vincitore del Festival del Popoli di Firenze, come miglior film italiano, un film dove si narra dell’integrazione tramite la storia della squadra multietnica Afro-Napoli United. Con riprese che attraversano Scampia, Sanità e rione Don Guanella.

Li Donni, che è siciliano, esprime il suo focus sugli emarginati, gli ultimi della società e nei suoi film cerca di esaltarne i valori.

L’idea di Prima cosa buongiorno, infatti, è quella di dare una lettura di Napoli scevra da quelle negative e cercando si trovare del buono anche nel drammatico.

Il regista ha dichiarato che non è facile parlare di Napoli, perché realtà complessa, ma che vale sempre la pena di approfondire.

Inoltre ha precisato che il film documentario è tra quelli che TV 2000 ha voluto commissionare a registi laici, in virtù della filosofia di papa Francesco di attenzione verso tutti.

TV 2000 è una tv che fa riferimento alla Conferenza Episcopale Italiana.

Francesca Giovannoli

Francesca Giovannoli, 34 anni, architetto, coordina un workshop di interior design presso l’Università di Teramo. Attualmente è nello staff di professionisti che si occupa di un importante cantiere sulla costa abruzzese.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top